Lunedi 5 Dicembre

Tennis, clamoroso Kyrgios: “non andrò a Rio perchè non mi vogliono”

Alfredo Falcone - LaPresse

Annuncio shock di Nick Kyrgios sul proprio profilo facebook, l’australiano non parteciperà alle Olimpiadi di Rio per delle frizioni con il Comitato Olimpico australiano

Il tennis australiano non schiererà a Rio 2016 le sue punte di diamante, almeno in campo maschile. Dopo Bernard Tomic, numero 22 della classifica mondiale, anche Nick Kyrgios, attualmente al 19° posto del ranking Atp, ha annunciato che non prenderà parte ai Giochi Olimpici in programma dal 5 agosto nella metropoli brasiliana.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Una decisione presa in polemica con la Federazione australiana: “mi sembra evidente che non rientro nei piani del Comitato olimpico australiano. Il trattamento ingiusto che mi hanno riservato nell’ultimo mese dà un’idea molto chiara di quanto mi vogliano nel team olimpico. Con grande dolore devo prendere la decisione di non gareggiare ai Giochi” spiega Kyrgios sul proprio profilo Facebook. Nelle scorse settimane il direttore del comitato australiano, Kitty Chiller, capo missione ai Giochi di Rio, aveva più volte contestato i comportamenti “poco corretti” in campo del 21enne di Canberra, uno dei giovani emergenti del circuito, spesso sotto i riflettori però non solo per i suoi risultati.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Al Roland Garros in corso a Parigi, ad esempio, è il giocatore che ha ricevuto le multe più salate, in particolare per “oscenità udibili” durante il match contro il francese Richard Gasquet. Kyrgios da parte sua ha incassato comunque la solidarietà della Federtennis australiana: comprendiamo la decisione di Nick – ha spiegato il presidente Steve Healysiamo molto dispiaciuti del fatto che sia stato messo in questa posizione. Le performance di Nick quest’anno sono migliorate, è maturato e si è visto anche in campo“. Laconica è stata, infine, la risposta del Comitato Olimpico australiano e della sua dirigente: “tutti gli atleti in lizza per I Giochi sono trattati in modo equanime e corretto“. (ITALPRESS)