Mercoledi 7 Dicembre

Svezia-Italia: le differenze innate

LaPresse/ Fabio Ferrari

Perché Italia e Svezia sono molto diverse fra loro. Vediamolo insieme

La Svezia non è abituata a lottare. Noi sì. La Svezia non è abituata a fare sacrifici. Noi sì. La Svezia non è costretta a improvvisare. Noi sì. Sono solo alcuni dei motivi per cui siamo abbastanza ottimisti a riguardo della sfida che si giocherà oggi pomeriggio e che vedrà contrapposte la nostra Nazionale a quella svedese.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

In Svezia è tutto perfetto. Lo Stato è Stato, e come tale aiuta i cittadini, li fa stare bene, è presente quando serve, è compagno di vita affidabile, provvede a fare sì che la vita dei suoi cittadini scorra nella migliore maniera possibile; serve il cittadino che è reale sovrano. Per questo il popolo svedese, che è abituato a vivere bene, non è abituato a lottare, mentalmente. Sicuramente non come un italiano, il cui Stato…va beh, lasciamo perdere. In Svezia improvvisare è difficile. Come fai a improvvisare quando tutto è stabilito e deciso per il tuo unico bene? Non ne hai bisogno! In Svezia le regole e le leggi sono rispettate perché sono state studiate appositamente per il bene del cittadino. Quindi non c’è bisogno di inventarsi leggi alternative o di fare i furbetti. Sicuramente la Svezia è diversa dall’Italia, dove da secoli vige un proverbio che è alla base di tutta la creatività italiana: “fatta la legge, trovato l’inganno!” In Svezia non esistono gli 80 euro “fatti cadere dall’alto dal politico di turno per farti stare meglio”, non è nemmeno pensabile proporre a un giovane di lavorare gratis con la scusa di fare uno stage, non è previsto dal codice etico che un anziano possa vivere con 500 euro al mese. Sicuramente in Italia siamo abituati diversamente, per questo motivo siamo abituati, invece, a fare sacrifici, sin da piccoli: perché abbiamo una classe dirigente che si impegna da sempre per farci fare sacrifici su tutto. Ecco perché, per quanto riguarda la sfida di oggi, siamo ottimisti. Perché quando ci sarà da stringere i denti, noi sapremo come fare. Gli svedesi, probabilmente, no.