Sabato 10 Dicembre

Spavaldo e sicuro di sè, è il solito Ibrahimovic: “tornare in Svezia? No, sono ancora troppo forte”

LaPresse/Reuters

Intervistato sul suo futuro dai giornalisti svedesi, Zlatan Ibrahimovic non si sbilancia, rinviando la sua decisione

Per adesso mi diverto a leggere e ad ascoltare tutte queste storie, quando sentirò la migliore e sarò stanco di tutto questo, in quel momento vi dirò dove andrò a giocare“. Zlatan Ibrahimovic dribbla così, un po’ infastidito ma allo stesso tempo divertito, le domande dei giornalisti svedesi sul suo futuro.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Dopo la decisione di non rinnovare il contratto con il Paris Saint Germain, quello di Ibra è uno dei nomi più ricorrenti in assoluto nelle trattative di mercato. Per lui si parla di un ritorno in Italia (il Milan lo sogna), di un’esperienza in Premier League magari al Manchester United di Josè Mourinho, ma anche di Cina, Stati Uniti ed Emirati Arabi e, ultimamente, la stampa svedese segue una romantica pista che porta al suo primo club, il Malmoe. “Tornare a giocare in Svezia? Sono ancora troppo forte per questo“, dice con la consueta sicurezza l’ex Juve, Inter e Milan che non scioglie neanche i dubbi sul suo futuro in Nazionale. “Non ho ancora pensato a questo, ma posso dire che lavoro senza problemi, mi sento forte, molto forte“. La Svezia di Ibra fa parte del girone degli azzurri, Irlanda e Belgio le altre due nazionali del gruppo E di Euro2016. (ITALPRESS).