Domenica 4 Dicembre

Simpaticissimo siparietto tutto messinese tra Nibali e Frassica in TV: “mi llenava a Tinnuru”

Vincenzo Nibali protagonista a “Che fuori Tempo che fa”, tra ricordi della fantastica impresa al Giro d’Italia e simpatici siparietti con Nino Frassica

A una settimana dalla fantastica vittoria al Giro d’Italia, Vincenzo Nibali rivive gli indimenticabili momenti della sua vittoria ospite da Fabio Fabio a “Che fuori tempo che fa”, su Rai Tre. Lo Squalo fa il suo ingresso con in mano una maglia rosa, un dono per il presentatore del programma. Una puntata simpatica: Nibali è infatti accompagnato in studio da Giletti, Marzullo, Elisa ma anche da Linus, appassionatissimo di ciclismo (che proprio questa mattina ha fatto 100km in bici) e dal suo conterraneo Nino Frassica.

Solitamente ho cercato di controllare, questo Giro invece è stato molto duro e difficile e la squadra è stata essenziale, è un’emozione esplosa proprio nell’ultima settimana, le ultime tre tappe sono state decisive“, ha dichiarato lo Squalo.

nibali lacrimeLa prima immagine che si è commentata in studio è stata quella della sua vittoria di tappa a Risoul e le sue lacrime: “mi sono sfogato all’arrivo, c’erano tante cose, la voglia di far bene a questo Giro d’Italia, la voglia di vincere, un po’ di critiche lungo questo percorso che è stato a volte anche logorante. Con quella vittoria mi sono sbloccato, ho trovato più fiducia e abbiamo trovato il modo di ribaltare il Giro“.

Fazio ha poi evidenziato come i ciclisti, a differenza dei calciatori, quando cadono non simulano, anzi, fanno di tutto per rimettersi immediatamente in piedi e continuare la loro gara: “anche se hai un braccio fratturato devi ripartire perchè il tempo è essenziale“, ha spiegato Nibali.

LaPresse/Belen Sivori

LaPresse/Belen Sivori

Lo Squalo si è poi emozionato, riguardando le immagini del suo trionfo al Giro d’Italia 2016: “quando riguardo le immagini penso ma sono io? mi vengono i brividi ogni volta“, ha dichiarato Vincenzo.

Inevitabile poi parlare delle Olimpiadi di Rio 2016:”è un altro bell’appuntamento dove stiamo già lavorando da 6-7 mesi. Abbiamo già visto il percorso. Le Olimpiadi sarà una giornata dura da affrontare, non sarà facile“, ha aggiunto Nibali.

nibali genitori chavesDel Giro d’Italia 2016 rimarrà nelle menti e nel cuore di tutti l’immagine di Nibali che abbraccia i genitori di Esteban Chaves, dopo averli strappato la maglia rosa ed essersi assicurato la vittoria finale: “è venuto naturale, dopo che sono arrivato all’arrivo loro erano lì e vedevano la tappa, sono venuti a complimentarsi con me, ma io ho visto la mamma che era un po’ dispiaciuta e quindi mi è venuto naturalissimo dargli un abbraccio“.

LaPresse/Belen Sivori

LaPresse/Belen Sivori

Infine un simpaticissimo siparietto tutto messinese con Nino Frassica: l’attore ha chiesto, in dialetto siculo, allo Squalo dello Stretto dove si allenava da ragazzino: “eu sugnu i boccetta, dimmi aunni ti llenavi i picciriddu, a dinnammari o…”. E Nibali ha risposto: “ogni tantu mi ndi chianava a Tinnuru, mi faciva na passiata ddà” riferendosi al Santuario della Madonna della Montagna di Tindari.

Parlando di musica, poi si scherza sulle doti canore del ciclista messinese che racconta un aneddoto della sera prima del suo matrimonio: “mi hanno aiutato i miei amici del club, in Ciociaria si usa che la sera prima del matrimonio si va sotto la casa e si canta insieme in coro, ho cantato Rose Rosse per te e le altre non ricordo, mi vergognavo in maniera impressionante“.