Venerdi 9 Dicembre

Roma2024: lanciata una start up per valorizzare l’arte italiana

LaPresse / Roberto Monaldo

A Roma è stata realizzata una start up che ha il compito di valorizzare l’arte italiana nel mondo

Una start up che valorizza l’arte italiana nel mondo e che accompagnerà la candidatura di Roma alle Olimpiadi. È questo il progetto innovativo che il mondo dell’imprenditorialità laziale ha scelto con il contributo di Roma 2024. Oltre 900 aziende del territorio, ben 5000 visitatori, hanno animato la due giorni dell’evento, organizzato da Unirete, e che è stato occasione per un confronto sul tema delle Olimpiadi con il Comitato Promotore dei Giochi. In questo ambito è stato assegnato il Premio “Unirsi per l’impresa”, giunto alla sua terza edizione. La Giuria d’onore, composta dal Presidente di Unindustria Maurizio Stirpe, da Monica Lucarelli, responsabile del programma education, sociale e territorio del Comitato Roma 2024, da Marco Gay Vice Presidente di Digital Magics, da Filippo Tortoriello Componente del Consiglio Direttivo Piccola Industria di Unindustria e dall’Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lazio Giudo Fabiani, ha deciso di premiare Skylabstudios con #SEEROMA2024, un progetto che ha offerto uno strumento innovativo, coinvolgente ed efficace. Il bando del concorso prevedeva tra i requisiti principali il contenuto innovativo della proposta che fosse funzionale alla candidatura ai Giochi 2024 e, in linea con le direttrici dettate dal Comitato promotore, finalizzate a costruire la smart city del futuro: tecnologia e innovazione, trasporti e mobilità sostenibile, turismo e marketing territoriale.

LaPresse / Roberto Monaldo

LaPresse / Roberto Monaldo

Alla due giorni ha partecipato per il Coordinatore Generale del Comitato promotore 2024 Diana Bianchedi che – nella tavola rotonda “Creatività, cultura, turismo: Lazio motore d’Italia” moderata dal Vicepresidente di Unindustria Giampaolo Letta – ha sottolineato l’importanza dei Giochi Olimpici: “Rappresenteranno un’occasione di rilancio per lo sviluppo dell’economia del territorio regionale – ha sottolineato – le Olimpiadi agiranno da volano per l’attrazione di investimenti anche esteri, ma metteranno anche Roma al centro dell’attenzione mediatica mondiale, favorendo l’arrivo di nuovi turisti e visitatori a cui regalare quell’esperienza indimenticabile.
Le regole sono cambiate, abbiamo consegnato al CIO il nostro dossier, abbiamo avuto la loro approvazione perché siamo partiti dalla nostra città, dagli impianti già esistenti. Verrà riqualificato lo stadio Flaminio, il Palazzetto e gli impianti del Tre Fontane, al di là dei Giochi e delle gare agonistiche a Roma c’è la necessità di chiudere l’anello ferroviario: vogliamo lasciare alla nostra città una struttura che verrà utilizzata prima, durante e dopo i Giochi”.