Domenica 4 Dicembre

Playoff Lega Pro: il Pisa ferma il Foggia e conquista la B ma la violenza rovina lo spettacolo

LaPresse/Donato Fasano

Il Pisa ferma il Foggia sull’1-1 e conquista la promozione in Serie B ma la violenza in campo rovina la festa dei toscani

Foggia Pisa Coreografie (1)Atmosfera da brividi, pubblico delle grandi occasioni e tensione alle stelle allo Zaccheria per il match di ritorno della finale Playoff di Lega Pro fa Foggia e Pisa. La coreografia dei tifosi di casa non lascia spazio ad interpretazioni: “il domani non c’è ancora, ieri non c’è più…morire in campo adesso!“, comunque andrà sarà una battaglia visto che i rossoneri dovranno ribaltare i 4-2 di Pisa per raggiungere il sogno promozione.

LaPresse/Donato Fasano

LaPresse/Donato Fasano

Dopo un primo tempo bloccato sullo 0-0 e un secondo tempo nel quale diverse interruzioni, e qualche esagerazione dei giocatori del Pisa nel rialzarsi dopo i falli subiti, hanno fatto scorrere il cronometro e assottigliare le speranze dei pugliesi, forse il messaggio di “battaglia” iniziale è stato male interpretato. Sono piovuti oggetti in campo, è scattata l’invasione e in campo è scoppiata la rissa. L’allenatore del Pisa, Gattuso è finito a terra colpito da una bottiglietta, poi lo stesso Gattuso è arrivato quasi alle mani con De Zerbi: i due sono stati espulsi. Dopo diversi minuti e l’intervento della polizia si è ripreso a giocare. Un rigore di Iemmello ha portato in vantaggio il Foggia, ma nel finale Eusepi con uno scavetto ha riportato il match in parità. Il Pisa ha conquista la promozione in Serie B ma la violenza ha fatto passare in secondo piano quella che doveva essere una splendida giornata di sport.