Domenica 4 Dicembre

Pedalata all’Arena Bike ParK di Tor Vergata, la Cycling Arena di Roma2014

I ciclisti romani si mobilitano ancora una volta per chiedere maggiore attenzione, nelle politiche sociali, agli utenti della bicicletta e agli appassionati di ciclismo

Un progetto, quello presentato in occasione della candidatura della Capitale, che prevede la realizzazione di un impianto in grado di ospitare sia il ciclismo su pista che il BMX, oltre ad un’area ciclabile adiacente di circa 20 chilometri, aperta agli utenti del territorio e che andrebbe ad integrarsi con il nascente GRAB (Grande Raccordo Anulare per le Biciclette).

bianchedi_sgarbozzaPresente all’appuntamento odierno anche Diana Bianchedi, Direttore Generale del Comitato promotore di Roma 2024, che non ha mancato di ricordare come: “è importante per Roma che si inizi a lavorare seriamente e che si realizzino progetti in grado di rispondere alle esigenze dei cittadini. Le Olimpiadi possono essere un acceleratore, ma non è detto che sia l’unico

E’ giusto dare la precedenza all’ordinario e alle esigenze primarie dei cittadini. Tra queste anche quelle degli utenti della bicicletta e degli appassionati di ciclismo, che sentono come un’esigenza fondamentale quella di poter svolgere la propria attività in spazi protetti e chiusi al traffico. Le Olimpiadi rappresentano il volano in grado di far decollare una progettualità complessiva di questa parte della città (GRAB, piste ciclabili, zone protette) nella quale la bicicletta possa assumere un ruolo fondamentale.

Al via della pedalata presente anche il ct della Nazionale ciclocross Fausto Scotti: “è troppo importante non lasciare la città soltanto agli automobilisti… è giusto essere qui a testimoniare la volontà di riaffermare il nostro diritto a fare sport e farlo in sicurezza”. Il consigliere del comitato regionale FCI Lazio Federico Campoli, anch’egli presente, ha ricordato: “la Federazione, ed il Comitato regionale, si sta impegnando perché il Velodromo diventi una realtà. Ci vuole però l’attenzione di tutti, a cominciare dalle Istituzioni”.
Vero animatore dell’iniziativa Gigi Sgarbozza, un passato da ciclista e ormai noto commentatore televisivo: “Roma ha bisogno di spazi protetti per i ciclisti. Le Istituzioni devono sforzarsi a trovare spazi adeguati, perché gli utenti della bicicletta stanno aumentando sempre di più. Oltre alle piste ciclabili proponiamo anche di chiudere al traffico, almeno due volte a settimana, spazi come questi di Tor Vergata. La realizzazione del GRAB sarebbe un grande conquista. Quando mi allenavo per le corse percorrevo il Raccordo Anulare… era il percorso perfetto. Tornarci sarebbe un sogno…”.