Giovedi 8 Dicembre

NBA, LeBron tuona: “non sono Jordan, non sono Ali, solo io so chi sono!”

LeBron James si scrolla di dosso l’ennesimo paragone con Michael Jordan prima di gara-3 contro i Warriors

michael jordanPurtroppo per LeBron James, dal suo esordio in NBA, lontano ormai ben 13 anni (2003), il paragone e il confronto con Michael Jordan è sempre stato tirato in ballo in ogni momento della carriera del “Prescelto“. Anche adesso dopo la sconfitta in gara-2, il confronto fra LeBronJ e MJ è stato tirato in ballo direttamente da Phil Jackson che ha ricordato come i Bulls guidati da un Jordan indiavolato siano riusciti a ribaltare lo 0-2 della semifinale Playoff del 1993 contro i Nicks conquistando l’accesso in fianale.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Come riportato da “NbaReligion”, “The Chosen One” ha voluto subito fare chiarezza sulle dichiarazioni di Phil Jackson, provando per l’ennesima volta a scrollarsi di dosso eventuali paragoni:penso che la cosa migliore ora sia giocare dando il massimo insieme ai mie compagni, cercando di spronarli a dare il meglio, questo è quello che faccio, questo è quello che sono. Nient’altro. Non sono Michael, non sono Ali. Non sono nessun altro di questi grandi sportivi, sono semplicemente me stesso. E nel caso in cui riuscissi a ribaltare la serie, non sarebbe grazie ad una trance agonistica, ma sarebbe grazie al duro lavoro di un’intera stagione. Phil è stato un grande coach. Mike un grande giocatore. Ma io sono chi sono”.