Sabato 3 Dicembre

MotoGp, tanta delusione per Guido Meda dopo Assen: ma quante lodi per Valentino Rossi

LaPresse/EXPA

Dopo il pazzesco epilogo del Gp di Assen, Guido Meda analizza i tanti temi regalati dal week-end olandese

Il week-end di Assen si conclude come nessuno si sarebbe mai immaginato, la vittoria di Jack Miller regala l’ennesima emozione di una gara pazzesca, divisa in due da un violento acquazzone capace di sparigliare le carte in tavola.

LaPresse/Piero Cruciatti

LaPresse/Piero Cruciatti

Le cadute di Valentino Rossi e Andrea Dovizioso, la strategia di Marquez e la pessima prestazione di Lorenzo, tanti temi che Guido Meda ha provato ad analizzare con un post pubblicato sulla sua pagina Facebook:

“Dev’essere frustrante stare davanti 15 giri, fermarsi, ripartire e perdere tutto. Che dispiacere…Passare da tre italiani che si giocano il podio della Motogp a niente in una gara delirante e anche insicura è proprio un peccato. Imparabile, ma un peccato. C’è di buono che Rossi, Dovizioso e Petrucci sono ragazzi che non mollano. Petrucci guasto tecnico; Rossi e Dovi si sono corsi dietro l’un l’altro… andando troppo forte per poter stare in piedi, ma è edificante sentire entrambi ammettere ciascuno il proprio errore con grande onestà, rassegnata serenità e realismo. Rossi, che quest’anno se possibile è ancora più forte e gigantesco del solito, si dà addirittura… del somaro.Un buon esempio per i piloti giovani che non si capacitano dei propri errori e si tirano dietro il peso della delusione. Jackass Miller… Per lui son proprio contento. Ne aveva bisogno come un premio per la sua anima bizzarra e libera. Dissetato dalla stessa acqua che ha affogato gli altri. E poi pensa ‘sto sport… Marquez con la moto più sbilanciata è davanti a tutti. Lorenzo che nel weekend in Olanda non c’è stato mai, ha fatto punti preziosi. A presto. Sachsenring, 17 luglio!