Sabato 10 Dicembre

MotoGp, Poncharal amareggiato: “nessuno vuole la mia moto, eppure è molto competitiva”

Il team manager della Yamaha Tec 3, Herve Poncharal, esprime la sua delusione riguardo al fatto che pochi piloti sono interessati a guidare la sua moto

Dopo l’annuncio della separazione tra la Yamaha Tech 3 e Pol Espargaro, il team guidato dal team manager Hervè Poncharal non ha assolutamente più tempo da perdere per individuare i due piloti della prossima stagione. Sia Smith che Espargaro, infatti, passeranno alla Ktm che farà il suo debutto in MotoGp a partire dal 2017.

LaPresse/EXPA

LaPresse/EXPA

Al momento, non sono un uomo felice, neanche un team manager felice” sottolinea lo stesso Poncharal, che per adesso si consola con Jonas Folger, senza però riuscire a trovare un compagno da affiancargli. “Abbiamo perso Bradley all’inizio della stagione, ora Pol ha preso la sua decisione di lasciarci e sono un po’ preoccupato per questo. Anche se ora abbiamo delle moto vicine a quelle dei team ufficiali, ormai sembra un trend: se sei un pilota giovane e veloce, ci sono solo le moto factory. E questo è difficile da capire per noi. Chiaramente eravamo dei team di serie B qualche anno fa, ma ora penso che veniamo considerati di serie C. La nostra molto è molto competitiva, ma per alcune ragioni non la vuole nessuno.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Ho sempre detto che noi siamo lo junior team della Yamaha…Ma è realmente così? La risposta è chiaramente no. Quando è stata l’ultima volta che hanno portato un nostro pilota nel team ufficiale? E’ stato Ben Spies nel 2010 e non era un pilota Tech 3, ma un pilota factory che aveva già vinto un Mondiale Superbike“. Per il futuro, Poncharal conferma di aver puntato Rins e Zarco: “ci sono ancora parecchi nomi, se vogliamo provare a puntare sui giovani talenti, i due candidati migliori sono Alex Rins e Johann Zarco. Stiamo parlando con entrambi“.