Giovedi 8 Dicembre

MotoGp, Jack Miller si toglie i sassolini dalla scarpa: che schiaffo ai critici

Dopo la vittoria clamorosa ottenuta oggi ad Assen, Jack Miller si scaglia contro i critici che lo hanno sempre tacciato di non essere all’altezza della MotoGp

Una gara pazzesca, mozzafiato, che ha lasciato incollati alla tv tifosi e addetti ai lavori, incapaci di trovare un filo logico ad un Gp di Assen davvero entusiasmante. Prima le battaglie sulla pista che andava asciugandosi, poi la sospensione per il violento acquazzone e, infine, le numerose cadute che hanno regalato a Jack Miller la prima vittoria in carriera.

millerDietro di lui, esulta anche Marc Marquez, capace di sfruttare la tremenda fortuna di oggi allungando il proprio vantaggio in classifica. “E’ una sensazione fantastica – commenta Miller ai microfoni di Sky Sportquando ho attraversato la linea del traguardo mi son passate molte cose per la testa, a partire dal momento in cui mi son trasferito con la mia famiglia in Europa nel 2010. Non avrei mai potuto arrivare a questo livello senza il supporto della Honda che mi ha dato la possibilità di arrivare qui. Spero di averli resi fieri, quest’anno stiamo crescendo e siamo felici per questo. E’ una risposta alle critiche, io so come guidare una MotoGp, questo dev’essere chiaro, ora devo concentrarmi su me stesso, anche se devo ammettere che è bello mettere a tacere tutte quelle persone che mi hanno dato dell’idiota perchè cadevo sempre. Quando ho superato Marc vedevo che mi seguiva, ma non ho spinto come un pazzo perchè lui era tranquillo è stato più cauto e son stato contento. Ho gestito il margine e ho mantenuto quel gap“.