Domenica 4 Dicembre

Moto Gp, Michela Cerruti elogia il Dottore: “Valentino fa discutere, fa urlare, ma…”

LaPresse/EFE

Michela Cerruti racconta il suo pensiero su Valentino Rossi, grande campione

La stagione 2016 di Moto Gp sta regalando grandi emozioni giorno dopo giorno, gara dopo gara. Attualmente Marc Marquez è il leader della classifica generale, seguito da Jorge Lorenzo e da Valentino Rossi, uno dei piloti più amati al mondo.

michela cerrutiIntervistata dai microfoni di Lautomobile.aci.it, Michella Cerruti, automobilista romana, ha raccontato Valentino Rossi dal suo punto di vista: “è stato uno dei campioni più amati, criticati, odiati, ammirati e osannati dal grande pubblico, sarebbe riduttivo pensare al Dottore come a un semplice pilota simile a tanti altri, lui è un personaggio incredibile, pieno di sfaccettature e contraddizioni”.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Valentino fa discutere, fa urlare, ma soprattutto sa far emozionare come nessun altro pilota sulla griglia di partenza della MotoGP”, ha aggiunto Michela. In tanti si chiedono quale sia il segreto del campione di Tavullia, che ancora oggi, a 37 anni, riesce ad essere super competitivo: “in lui c’è qualcosa che va oltre il guidare, che va oltre il vincere. Nonostante le sue vittorie e il suo successo lo rendano potenzialmente un essere irraggiungibile, Valentino sa restare nelle menti e nei cuori dei suoi tifosi, grazie a quel suo essere così umano, in modo quasi disarmante”, ha spiegato la la Cerruti, che gareggia nel campionato TCR International.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Lui rimane sempre il più grande di tutti, perché quando vince lo fa in modo speciale e quando fa una pole, cosa che tra l’altro capita ormai piuttosto raramente, la fa sempre al momento giusto e nel posto giusto, come avvenuto lo scorso GP del Mugello”, ha continuato.

valentino rossi marc marquezImpossibile poi non parlare della stretta di mano con Marc Marquez dopo la gara al Montmelò: “segna la voglia di tornare a lottare spinti dalla passione e dalla brama di vincere, non dalla rabbia o dalla voglia di vendetta.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Credo che quella stretta di mano e quei sorrisi tra due grandi campioni fossero dedicati, forse anche inconsapevolmente, al giovane Luis Salom, andatosene via vivendo la stessa nostra meravigliosa passione. Sembra sempre che questi centauri non si lascino toccare da nulla, eppure qualcosa a Barcellona è successo, qualcosa dentro le anime di questi campioni si è mosso e ha preso una direzione diversa”, ha spiegato Michela Cerruti.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Con l’avvicinarsi del Gran Premio di Assen, Valentino sembra non bramare più vendetta e il mondiale, che sembrava compromesso dopo il triste ritiro del Mugello, si riapre con la vittoria di Barcellona. Chissà se veramente la partita Italia-Spagna si trasformerà in un’amichevole…”, ha concluso l’automobilista italiana.