Venerdi 9 Dicembre

Moto Gp, Giacomo Agostini difende Rossi: “non è stato un errore”

Il pensiero di Giacomo Agostini sulla caduta di Valentino Rossi ad Assen: per l’ex motociclista non si è trattato di un errore del Dottore

E’ andato in scena domenica il Gran Premio d’Olanda. Una gara bagnata quella di Assen, dove la pioggia ha costretto gli organizzatori a dividere in due “manche”, la corsa. Una gara sfortunata per Andrea Dovizioso e Valentino Rossi che, in testa, sono scivolati dovendo definitivamente abbandonare la competizione.

Una caduta che fa male quella del Dottore: il campione di Tavullia ha commesso un errore che gli è costato caro, perchè adesso Marquez ha preso il largo e Lorenzo è più sereno, perchè dopo un week end difficile e un decimo posto è rimasto saldamente al secondo posto della classifica mondiale.

valentino RossiL’ex pilota Giacomo Agostini non crede però che la caduta del Dottore sia stata frutto di un errore: “non lo chiamerei errore, sul bagnato puoi andare per 25 giri alla stessa velocità e con la stessa traiettoria. Poi magari al 26° ti trovi per terra, è successo anche a me”, ha infatti dichiarato in un’intervista a LaPresse. “Se vuoi vincere devi andare forte, al limite. Purtroppo sul bagnato la sensibilità è quella che è… Ci sono ancora 250 punti in palio. Io non drammatizzerei. Certo è sempre più dura, però la partita non è chiusa“, ha aggiunto Ago.

LaPresse/EXPA

LaPresse/EXPA

L’ex motociclista si complimenta poi con Miller, vincitore del Gp d’Olanda: “è stato lodevole, ha guidato più forte di tutti ed è stata una grande impresa. Però sotto l’acqua cambia tutto, non è che adesso dobbiamo aspettarci che vinca tutte le gare…”. Ma anche Marquez, per Ago, è stato molto bravo e intelligente: “ha ragionato, ha capito che essendo in testa al campionato non poteva rischiare di andare per terra. 25 punti sono meglio di 20, però 20 sono meglio di niente. Marquez probabilmente sta pensando al campionato, con l’esperienza e gli anni che passano si impara”, ha concluso.