Mercoledi 7 Dicembre

Lapadula al Milan, Pescara infuriato: sfogo durissimo contro l’attaccante!

LaPresse/Fabio Urbini

Dopo il trasferimento al Milan, il Presidente del Pescara Sebastiani alza la voce contro Lapadula: “non è facile da gestire”

LaPresse/Piero Cruciatti

LaPresse/Piero Cruciatti

Lapadula-Milan, l’attacco di Sebastiani – L’affare della discordia. Il trasferimento di Gianluca Lapadula al Milan ha sorpreso un po’ tutti, Pescara compreso. L’attaccante sembrava ad un passo da Napoli e Genoa, poi la clamorosa svolta rossonera. Che ha stupito anche il Presidente del Pescara Sebastiani a cui non è decisamente piaciuto il comportamento tenuto da Lapadula nel corso della trattativa per la sua cessione. “Ho parlato fino alle due di notte con Giuntoli della trattativa Lapadula, ero convinto che il ragazzo potesse scegliere solo tra Napoli e Genoa. Con Galliani mi sono incontrato dieci giorni fa e mi ha espresso il gradimento per Lapadula, ma il Milan doveva prima di tutto procedere con le cessioni. Evidentemente ha avuto una diversa disponibilità. Ieri pomeriggio sono venuto a conoscenza di tutto attraverso una telefonata e ho chiesto che si muovessero nella correttezza assoluta. A me cambiava poco, la somma era ormai stabilita, ma col Napoli c’erano accordi diversi”.

LaPresse/Gerardo Cafaro

LaPresse/Gerardo Cafaro

Lapadula-Milan, l’attacco di Sebastiani – Nel corso di un’intervista rilasciata a Radio Crc, Sebastiani rincara la dose nei confronti di Lapadula: “mi dispiace molto anche perché mi ero anche esposto. Non credo nemmeno che sia responsabilità di Alessandro Moggi, Lapadula non è un ragazzo semplice da gestire. E’ così, ha un cuore d’oro, ma anche le sue idee. Ieri ho provato a chiamarlo, ma aveva il telefono spento, mi auguro che mi faccia una telefonata. Quello che abbiamo fatto insieme quest’anno è stato eccezionale e mi spiace perché se aveva già deciso di non andare a Napoli o a Genoa poteva essere più chiaro così sarebbe uscito anche lui in maniera diversa”.Matrimonio rossonero dallo strascico decisamente polemico.