Lunedi 5 Dicembre

Keirin: il passo giappo dello Stayer

Se andate in Giappone e amate la bicicletta, chiedete: Keirin!

Keirin. Se andate in Giappone, fate in modo di andare a vederne una gara. Si tratta di gare su pista. Si tratta di ciclismo, in pratica. Ma, visto che siamo in Giappone, tutto è spinto all’estremo. Così i ciclisti corrono a velocità altissime su queste piste. Lo scopo, fondamentalmente, non è lo sport, ma la “dea” scommessa. I ciclisti potrebbero essere dei cani, in fondo. Quello che conta è che i ciclisti percorrano un po’ di giri dietro a una moto e poi, alla fine, vengano lasciati senza moto, liberi di sprintare, e vincere. In soldoni, tutto qui. Bicicletta con ciclista. Moto con pilota. La moto si chiama derny.

derny ciclismoIl derny è una sorta di incrocio fra una moto e una bici elettrica. È una moto a pedali. Va veloce senza troppo sforzo. Otto giri. Massimo 10 concorrenti. In Giappone, queste gare sono delle vere e proprie esperienze. Cadute. Campane che suonano. Incitamenti. Sussulti. Velocità pazzesche. E dietro il tutto, montagne di soldi in attesa di sapere in che tasche finire. Keirin. Se volete assaggiare un po’ di sushicletta, questo è il nome che dovete seguire, se vi trovate in Giappone!