Domenica 4 Dicembre

Inter-Suning, ‘benedizione’ cinese. Con sogno… Mondiale!

LaPresse/Spada

Il Presidente della Federcalcio cinese si dichiara entusiasta per l’acquisto di Suning della maggioranza dell’Inter: dietro i capitali cinesi c’è il sogno  di realizzare il Mondiale nel 2030

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Secondo me è molto importante questa collaborazione di Suning con l’Inter, una delle realtà più importanti del calcio italiano. Ci saranno sicuramente dei buoni scambi culturali a livello calcistico sia dal punto di vista del settore giovanile fino alla gestione del club“. Lo ha detto Cai Zhenhua presidente della Federcalcio cinese, parlando a margine della visita di una delegazione della stessa federcalcio cinese in corso di svolgimento al centro tecnico di Coverciano, rispondendo ad una domanda sul possibile cambio di proprietà dell’Inter con l’arrivo di nuovi investitori legati alla società asiatica Suning. “Non vedo quanto sta avvenendo da parte di Suning sull’Inter come il controllo del club perché il calcio è del mondo, sicuramente la vedo di più come una collaborazione. Quindi vedo tante cose belle in futuro perché il calcio è uno sport mondiale ed adesso vediamo cosa succede – ha aggiunto il presidente della Federcalcio cinese – Il 6 giugno c’è  la conferenza stampa per la collaborazione fra Inter e Suning, soltanto che essendo qui in Europa io non potrà partecipare e ci saranno gli altri colleghi della federazione cinese che andranno alla conferenza stampa“.

Spada/LaPresse

Spada/LaPresse

Sviluppi sulla possibilità del Milan ad imprenditori cinesi? Io sono qui in rappresentanza della federazione quindi i livelli di business sono più fra i business man della situazione -ha puntualizzato Cai Zhenhua- Io non sono proprio al corrente di tutti i contatti che si stanno creando fra le parti“. Fra i progetti cui sta lavorando la Federcalcio cinese c’è anche l’organizzazione in Cina di un campionato mondiale di calcio. “Siccome in passato la Cina aveva ospitato anche tante altre competizioni, fare il calcio, visto che noi siamo un miliardo e trecentomila persone, è un nostro desiderio, un desiderio del popolo – ha aggiunto Cai Zhenhua- Stiamo lavorando a tutti i livelli per l’edizione del 2026 del mondiale, ma se l’edizione del 2022 si svolgerà in Qatar, dovremmo aspettare teoricamente il 2030. Un campione italiano da portare nel campionato cinese? Ci sono tanti giocatori che mi piacciono personalmente. Ad esempio prima abbiamo visto Conte, poi c’e’ Buffon, c’e’ Balotelli. Non c’è uno in particolare, ce ne sono troppi, tanti- Il calcio italiano e’ al centro del mondo, siamo qui per imparare” ha concluso Cai Zhenhua. (ITALPRESS).