Venerdi 9 Dicembre

Golf-Us Open: in vetta spunta Shane Lowry, Manassero continua a soffrire

LaPresse/PA

Ancora ritardi all’Us Open, in questo momento in testa c’è l’irlandese Lowry, mentre Manassero è cinquantunesimo

L’US Open continua a marciare in ritardo e anche il terzo giro non è stato portato a termine con 25 giocatori che debbono completarlo. Tra costoro Matteo Manassero, 51° nella classifica parziale, fermato dopo 14 buche sul punteggio di “+8” totale (76 70 e parziale di +2).

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Sul percorso dell’Oakmont CC (par 70), a Oakmont in Pennsylvania, è in vetta con “meno 5” l’irlandese Shane Lowry (68 70 e parziale di -3), anch’egli uscito dal campo alla 14ª, con due colpi di vantaggio su Andrew Landry (“meno 3” alla 13ª), vera sorpresa del torneo, che continua a mantenersi nelle posizioni d’avanguardia. Al terzo posto con “meno 2” Dustin Johnson (13ª), al comando dopo due turni, l’inglese Lee Westwood (15ª) e lo spagnolo Sergio Garcia (14ª). Sono sicuramente fuori gioco il sudafricano Charl Schwartzel, 21° con 213 (+3), Jordan Spieth, numero due del world ranking e campione uscente, 29° con 214 (+4) insieme a Matt Kuchar e al nordirlandese Graeme McDowell. Più indietro Bubba Watson, 46° con 217 (+7), e l’inglese Danny Willett, vincitore del Masters, 51° con 218 (+8). Matteo Manassero ha condotto il secondo giro in 70 colpi (par, con quattro birdie e quattro bogey) e in tal modo ha recuperato superando il taglio, poi nella frazione di terzo disputata, dove è partito dalla 10ª, è rimasto in par per nove buche (un bogey e un birdie) e ha perso due colpi nelle prime tre di rientro con la sequenza birdie-doppio bogey-bogey. Il montepremi è di 10.000.000 di dollari.