Giovedi 8 Dicembre

F1, Vettel difende la Ferrari: “col senno di poi è facile fare gli espertoni”

LaPresse/Photo4

Nonostante l’errore di strategia, Sebastian Vettel difende la Ferrari, sottolineando la difficoltà di prendere decisioni in poco tempo

Non basta un Sebastian Vettel superlativo per regalare la prima vittoria della stagione ad una Ferrari sciupona che getta alle ortiche un successo ampiamente alla portata. Una strategia suicida incentrata sulle due soste regala a Lewis Hamilton il primo posto e la seconda affermazione stagionale che lo lancia a ridosso di Nico Rosberg nella classifica generale.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Terzo un fenomenale Valtteri Bottas che si arrampica sul podio lasciando dietro di sè Verstappen e Rosberg. E’ un Vettel sorprendentemente soddisfatto quello che si presenta ai microfoni di Sky Sport, per nulla arrabbiato con la Ferrari per la strategia sbagliata usata in gara: “in quel momento pensavamo che fosse la strategia più veloce, col senno di poi è facile fare gli espertoni. Dal mio punto di vista, sono convinto di avere i migliori strateghi con cui abbia mai lavorato. E’ stata una decisione di squadra, ero contento di rientrare. Anche alla Red Bull hanno fatto due soste e si sono ritrovati dietro la Williams, è andata così per noi e per loro. La buona notizia è che la macchina funziona, mi son goduto ogni giro, mi sarebbe piaciuto prendere Hamilton, ma mi son divertito lo stesso. Anche un bambino potrebbe dire che abbiamo sbagliato, non è semplice prendere una decisione in una frazione di secondo. Impareremo anche da questo. Noi siamo sempre stati ottimisti, sappiamo che la macchina ha fatto un passo avanti rispetto all’anno scorso, ci siamo messi una pressione enorme perchè vogliamo vincere, son venuto alla Ferrari per spingere come un pazzo e per vincere, questo week-end siamo andati vicini a farlo, ci proveremo la prossima volta“.