Sabato 10 Dicembre

F1, una passione che nasce da lontano: quante carezze di Vettel alla Ferrari

LaPresse/Federico Bernini

Intervenuto all’inaugurazione della mostra ‘Ferraristi per Sempre’, Sebastian Vettel ha giurato amore alla scuderia di Maranello

Dopo il secondo posto conquistato pochi giorni fa a Baku, Sebastian Vettel è tornato al lavoro a Maranello per continuare la sua attività al simulatore, con l’obiettivo di migliorare e far progredire una SF16-H che non ha ancora assaporato il gusto della vittoria.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Il tedesco, però, oggi ha interrotto il proprio lavoro per inaugurare la nuova mostra del Museo Ferrari di Maranello intitolata “Ferraristi per Sempre”, presentata da Luca Fuso, Chief Brand Officer di Ferrari. Cinque sale piene di storia e di monoposto mitiche che hanno regalato, nel corso degli anni, vittorie e prestigio alla scuderia del Cavallino: “Correre per la Ferrari è stato il mio sogno fin da quando ero bambino – ha detto Sebastian ai microfoni di Motorsport.come sto vivendo un’avventura stupenda a Maranello. Quando si è piloti della Ferrari c’è sempre enorme pressione, ma la mia passione per questo marchio supera di gran lunga la pressione, quindi sono felicissimo di gareggiare per questo team.

Photo4

Photo4

L’inizio del Campionato non è stato certo dei migliori, non siamo ancora arrivati a metà stagione, per cui cerchiamo di mantenere la concentrazione senza farci condizionare, perché alla fine conterà il punteggio finale e non quello attuale“. Dalla Formula 1 al calcio il passo è breve, Sebastian Vettel non disdegna anche una battuta sull’Europeo in corso di svolgimento in Francia: “speravo di vedere Italia-Germania in finale, ma per colpa del tabellone non sarà possibile. Tiferò per la squadra che delle due arriverà più in alto. Credo che l’Italia possa vincere facilmente con la Spagna lunedì. Anche la Germania potrebbe venire avanti, staremo a vedere. Siccome corro in un team italiano diciamo che sarà la prima volta in cui potrei non essere deluso per essere stato battuto dall’Italia”.