Venerdi 2 Dicembre

F1, Ricciardo volta pagina: “ho dimenticato Monaco, qui in Canada saremo secondi solo alla Mercedes”

LaPresse/Photo4

Dopo il pasticcio di Monaco, Daniel Ricciardo volta pagina e in conferenza stampa esprime le sue sensazioni in vista del Gp di Montreal

E’ tutto pronto, si scaldano i motori, il settimo appuntamento del Mondiale di Formula 1 sta per andare in scena. Sarà il circuito di Montreal a catalizzare l’attenzione del panorama motoristico mondiale in questo week-end, durante il quale Lewis Hamilton proverà a bissare la vittoria di Monte-Carlo e ridurre il gap che lo separa da Rosberg nella classifica iridata. Voglia di riscatto, invece, si respira in casa Ferrari, dove Vettel e Raikkonen sono pronti a mettere da parte le brutte prestazioni dell’ultimo periodo per cercare di tornare a vincere dopo un digiuno lungo ormai parecchie gare.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Ho avuto bisogno di qualche giorno per sbollire la rabbia dopo il pasticcio di Monaco” commenta Daniel Ricciardo in conferenza stampa. “Dopo la gara non ero nelle condizioni di trovare una soluzione a quanto successo, ho staccato per qualche giorno e poi abbiamo pensato a quanto accaduto. Dopo aver sbollito ho palato con i meccanici , ci siamo spiegati, è stato importante ascoltare le loro spiegazioni ma la cosa principale è voltare pagina. Da ora in poi mi hanno promesso che non accadrà più, e che le gomme saranno pronte in qualsiasi momento. La natura dei box rende più difficile muoversi all’interno del garage, se questo abbia potuto condizionare la situazione non lo so. Credo sia dipeso da un cambio di decisione ritardato. Dopo che il team ha visto le gomme di Lewis, dal muretto hanno cambiato scelta, c’è stata confusione ed è successo quello che è successo. Per qualche giorno sono stato molto turbato per le opportunità che abbiamo sprecato, è un peccato che sia successo per due volte di fila e questo ha ampliato le mie sensazioni negative. Non dubito però che d’ora in avanti progrediremo, dobbiamo rimetterci in carreggiata perchè abbiamo dimostrato di essere competitivi ma dobbiamo dimostrarlo sempre. Dobbiamo arrivare a domenica sapendo di aver sfruttato tutto il potenziale a disposizione”.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Sulle sensazioni in vista della gara di Montreal, Ricciardo poi sottolinea: “nella mia mente c’è sempre la possibilità di vincere, sarebbe un ottimo modo per riscattarmi. Credo che la Mercedes sia la squadra da battere, noi speriamo di essere secondi anche se la Ferrari fa paura. Credo che saremo il secondo team dietro la Mercedes, speriamo di essere abbastanza vicini per mettergli pressione. Alla vigilia della stagione non mi aspettavo di essere terzo in campionato, ma dopo le gare disputate ho acquisito fiducia nei miei mezzi. Ancora non credo che possiamo puntare sabilmente alla vittoria, ma credo che se saremo competitivi qui, potremo lottare per il titolo“. Infine l’australiano torna sugli errori di Monaco e svela: “abbiamo risolto tutto al telefono, ho sbollito per un po’ di giorni, poi Chris Horner mi ha spiegato e mi ha chiesto scusa. La chiamata con lui e le discussioni con gli ingegneri mi hanno permesso di sbollire la rabbia. Io avevo da ridire anche sul primo pit stop, volevo che si discutesse su entrambi quindi, e hanno riconosciuto gli errori. Volevo chiarezza e l’ho avuta, adesso ci siamo impegnati a non commettere più gli stessi errori“.