Domenica 4 Dicembre

F1, l’ingegnere di pista di Vettel svela: “il tracciato di Baku è davvero molto difficile”

LaPresse/Photo4

Nel prossimo week-end la Formula 1 sbarcherà a Baku, circuito che fa il suo esordio nel calendario della massima serie automobilistica mondiale

Il Circus della Formula 1 si sposta dal Canada all’Azerbaijan, per il ritorno in calendario del Gran Premio d’Europa, assente da Valencia 2012. Prima novità dopo il debutto della Russia nel 2014, il circuito realizzato nella zona della città vecchia della capitale Baku oggi è secondo per lunghezza (6,007 km) solo a quello di Spa-Francorchamps (7,004 km).

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

L’analisi finora solo virtuale del tracciato lo annuncia come il cittadino più veloce mai visto e tra le sue caratteristiche annovera un rettilineo lungo 2,2 km e una sequenza di curve (8, 9 e 10) in cui la sede stradale è larga poco più di 7 metri. “Finora lo abbiamo visto solo al simulatore” commenta Riccardo Adami, l’ingegnere di pista di Vettel. “Abbiamo fatto una sessione dedicata per impararne le caratteristiche. Si tratta di una pista molto difficile, con tante curve e un lungo rettilineo. La curva 8 è molto impegnativa, la pista si restringe, molto più di come accade sul tracciato di Montecarlo“. A proposito delle condizioni meteo, Adami annuncia che “dovrebbe fare caldo e ci si aspetta parecchio vento, fattore da tenere in considerazione per gli assetti. Dovremo fare scelte di compromesso per il degrado delle gomme e per avere aderenza nella parte mista, fatta di rettilinei, frenate importanti e curve lente“.