Mercoledi 7 Dicembre

F1, il Gp di Monza è a rischio, interviene Maroni: “voglio salvare la gara per i prossimi quattro anni”

Piero Cruciatti / LaPresse

La Regione Lombardia, nella persona del presidente Roberto Maroni, è intervenuta per garantire al Gp di Monza per rimanere nel calendario di F1 per i prossimi 4 anni

Vogliamo salvare il Gran Premio dei prossimi 4 anni. Abbiamo un tavolo aperto e stiamo discutendo con la Sias, siamo in contatto anche con Automobile Club Milano, che è azionista della Sias, con Automobile Club d’Italia, che è azionista dell’Automobile Club Milano e che è stato delegato dal Governo con una legge a mettere a disposizione le risorse di Aci Milano per il Gran Premio di Monza“.

roberto maroni Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, questo pomeriggio, durante la conferenza stampa dopo la seduta di Giunta, rispondendo a una domanda sul Gran Premio di Monza. “Lo stabilisce la legge – ha ribadito Maroni – quindi anche la vicenda di Imola, che interviene chiedendo i soldi per sè non sta nè in cielo nè in terra, perchè la legge parla del Gran Premio d’Italia che si svolge a Monza. La Regione metterà 70 milioni di euro in dieci anni, per valorizzare tutto il parco, compreso l’Autodromo, con interventi che devono essere definiti. Tra questi interventi c’è anche la valorizzazione del circuito del Gran Premio.

LaPresse/Fabio Cimaglia

LaPresse/Fabio Cimaglia

Un passo successivo è finalizzato alla permanenza del Gran Premio a Monza – ha spiegato ancora il presidente – perchè il Gran Premio di Monza è una parte importante della vita del parco. Quindi, per farlo, abbiamo posto alcune condizioni: una di queste è l’ingresso della Regione con una quota di minoranza nel capitale della Sias, perchè è lo strumento che ci consente di erogare questi contributi. Ne stiamo discutendo – ha concluso il presidente – credo che potremo arrivare rapidamente alla conclusione dell’accordo. Siamo disponibili a dare una mano, se ci sono le condizioni lo faremo e metteremo le risorse, altrimenti le destineremo comunque a una finalità legata allo sport“. (ITALPRESS).