Domenica 4 Dicembre

F1, Hamilton e la sua dedica speciale: “questa vittoria è per Alì e la sua famiglia”

LaPresse/EFE

Lewis Hamilton dedica il successo di Montreal a Muhammad Alì, pugile appena scomparso che ha ispirato la vita del britannico

Non basta un Sebastian Vettel superlativo per regalare la prima vittoria della stagione ad una Ferrari sciupona che getta alle ortiche un successo ampiamente alla portata. Una strategia suicida incentrata sulle due soste regala a Lewis Hamilton il primo posto e la seconda affermazione stagionale che lo lancia a ridosso di Nico Rosberg nella classifica generale.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Terzo un fenomenale Valtteri Bottas che si arrampica sul podio lasciando dietro di sè Verstappen e Rosberg. Non sta nella pelle Hamilton per la vittoria conquistata oggi, un successo da dedicare ad una persona appena scomparsa: “io non dedico mai le mie vittorie a nessuno – commenta il campione del mondo in conferenza stampa – però c’è una persona che mi ha ispirato tantissimo ed è Muhammad Alì. A lui e alla sua famiglia vorrei dedicare il successo di oggi. Negli ultimi 15 giri pensavo a lui, e mi piaceva pensare che stesse guardando la gara. Questa vittoria è per lui e per la sua famiglia. Per quanto riguarda le gomme  è stato solo feeling, non ero sicuro delle ultrasoft, quindi ero un pochino nervoso. Ero consapevole che Seb avrebbe spinto, mi son goduto la battaglia con Vettel, la strategia ad una sosta era la migliore, abbiamo optato per quella e abbiamo fatto bene. La stagione prima era difficile, ora però è cambiata, quella di oggi è una delle mie migliori gare, non bella come l’ultima ma sono contento“.