Sabato 10 Dicembre

F1, Alain Prost mette in guardia la Ferrari: ecco il consiglio sul futuro di Raikkonen

LaPresse/Photo4

Il mercato piloti continua a tenere banco nel circus della Formula 1, Alain Prost interviene sulla questione Raikkonen: ecco il consiglio alla Ferrari

Dopo l’affascinante Gp di Baku che ha regalato a Nico Rosberg la quinta vittoria in stagione, il circus della Formula 1 lascia spazio alla MotoGp, pronta a vivere l’ottavo appuntamento sul circuito di Assen.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Il mercato delle quattro ruote, però, non va in vacanza, sono tanti i piloti al centro della scena, uno su tutti Kimi Raikkonen, in scadenza con la Ferrari. Il nome del finlandese è stato sondato da molte scuderie, ma anche il suo sedile ‘rosso’ è molto ambito da tanti drivers che puntano a varcare i cancelli di Maranello. I vertici del Cavallino continuano a guardarsi intorno, consapevoli comunque del fatto che Raikkonen rappresenta un ottimo compagno di squadra per Sebastian Vettel, dopo che la scorsa settimana non ha avuto problemi a lasciargli strada a Baku, il team non può non riconoscere i vantaggi di avere due piloti che vanno d’accordo. Sulla questione è intervenuto anche Alain Prost che, a margine della FIA Sport Conference di Torino, ha espresso la sua opinione sul mercato della Ferrari: “tutti possono vedere gli aspetti positivi e gli aspetti negativi. Ci sono uno o due piloti sul mercato che potrebbero essere interessanti per la Ferrari. Forse un po’ più veloci, anche se non lo si può sapere per certo. Una cosa che bisogna prendere in considerazione è la pressione della Ferrari.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

A volte si vedono dei piloti molto buoni in una squadra di medio livello, poi arrivano in un top team e non riescono a rendere, perché è un po’ diverso. L’aspetto positivo per Raikkonen è che un buonissimo rapporto con Vettel e che in questo modo c’è un numero uno ed un numero due. Non sulla carta, ma nei fatti. Per l’ambiente non è male. Ad essere onesti, io non biasimo la Ferrari e non la voglio criticare. Sono sicuro che prenderanno la decisione giusta“.