Sabato 10 Dicembre

Euro 2016 – Top&Flop Italia: Bonucci monstre, A.A.A cercasi Darmian

LaPresse/ Fabio Ferrari

Successo all’esordio per l’Italia di Antonio Conte nella gara di Lione contro il Belgio a Euro2016: ecco i Top&Flop della notte di Lione

Euro 2016, Top5Flop Italia – Giaccherini-Pellé, estati azzurra a Lione. Buona la prima per l’Italia di Antonio Conte, la Nazionale azzurra ha portato a casa un successo importantissimo contro il Belgio all’esordio di Euro 2016. Tante le cose positive fatte vedere dall’Italia, ma anche qualche nota stonata: ecco Top&Flop azzurri

TOP

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

Bonucci – Semplicemente perfetto. Lukaku ricorderà a lungo il numero 19 azzurro, che però non si limita solo a difendere: l’assist per il gol di Giacchierini è una vera e propria gemma. Prestazione monste.

Candreva – In una Nazionale qualitativamente poco dotata, la sua luce abbaglia compagni e avversari: due assist al bacio per Pellé, l’ultimo quello che regala all’Italia il definitivo due a zero.

Pellè – Corsa, fisico, sportellate e tanto sacrificio. Nel primo tempo spreca una clamorosa palla gol, ma la sua presenza si fa sentire eccome: Courtois gli nega il gol in un’occasione, ma nella seconda può solo raccogliere il pallone in rete.

FLOP

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Darmian – Brutta prova dell’esterno del Manchester United. Timido, spaesato, fuori dal match: un suo errore spiana la strada alla clamorosa occasione di Lukaku. Conte si accorge che non è in giornata positiva e lo richiama in panchina al 58’. A.A.A cercasi (in fretta) il vero Darmian.

Parolo – E’ forse la scelta più ‘azzardata’ di Conte, che lo preferisce a Thiago Motta e Florenzi: nel centrocampo a cinque azzurro è il meno propositivo e il più  impreciso, la sensazione è che abbia accusato troppo la pressione.

Eder – Tanto sacrificio e qualche buona sponda, ma nell’Italia versione guerriera schierata da Conte lui sembra essere andato in guerra senza l’elmetto. Compitino e nulla più, per dimostrare di meritare la maglia da titolare della Nazionale serve davvero molto, ma molto di più.