Sabato 3 Dicembre

Euro 2016, parla papà Pellè: “il gol sbagliato? Gli avevo detto di mettersi le mutande al contrario…”

LaPresse/ Fabio Ferrari

Tra riti, scaramanzie e quel nome in onore di Ciccio Graziani, papà Pellè racconta le emozioni provate durante Belgio-Italia

Lunedì ho sentito mio figlio Graziano dopo la partita, mi ha chiesto se ero contento per il suo gol e io gli ho risposto: no, perchè hai sbagliato un gol di testa!“.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

A parlare è Roberto Pellè, padre del bomber della nazionale Graziano, che è stato ospite del programma di Rai Radio2 “Un Giorno da Pecora”. Dopo aver fallito quella occasione, però, l’attaccante azzurro ha fatto un grande gol. “Sì, ma infatti scherzavo, anche perchè poi per un attaccante l’importante è trovarsi nel posto giusto al momento giusto. La gioia che ti dà un figlio che segna un gol così è indescrivibile. Le partite le vedo nel tinello di casa mia da solo, mentre mia moglie la segue sull’altro televisore che abbiamo. Lei ogni tanto tenta di infiltrarsi ma io mi blindo dentro! Ci vediamo nell’intervallo, quando le cose vanno bene come ieri sera. Quando Graziano ha segnato ci siamo incontrati a meta’ strada, in corridoio, e abbiamo esultato insieme“. Papà Pellè conferma di averlo chiamato Graziano “per Ciccio Graziani” e sulle scaramanzie aggiunge: “io gli dissi di mettersi le mutande…al contrario, perchè sono scaramantico. Ma non credo che lui lo abbia mai fatto, quando ne parliamo lui sorride“. (ITALPRESS).