Martedi 6 Dicembre

Euro 2016, Chiellini mostra i muscoli: “girone duro? Anche i nostri avversari avrebbero evitato l’Italia”

LaPresse/ Fabio Ferrari

Giorgio Chiellini parla dell’esordio dell’Italia ad Euro 2016, sottolineando di non temere Svezia, Irlanda e Belgio

Dove dobbiamo arrivare per poter dire che è stato un Europeo di successo? Non si possono fissare dei limiti specifici. Siamo nel girone più duro, con Svezia, Irlanda e Belgio, ma penso che anche i nostri avversari avrebbero preferito evitarci. Ci aspetta una grande avventura, da vivere senza lamentarsi e con piacere“.

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

Giorgio Chiellini, a poche ore dall’esordio a Euro2016 contro il Belgio, si concede in un’intervista a “Le Parisien” guardando anche alle prossime sfide e in particolare a quella con la Svezia. “Per qualsiasi difensore è difficile affrontare Ibra, ha vinto dei campionati da solo, gli manca solo la Champions, una maledizione per lui. E ha avuto la sfortuna di giocare nello stesso periodo di Cristiano Ronaldo e Messi, altrimenti ci sarebbe almeno un Pallone d’Oro a casa sua“. Da Ibrahimovic a un altro fenomeno, Paul Pogba, suo compagno alla Juve. “E’ arrivato da Manchester da sconosciuto ma tutti abbiamo capito subito il suo potenziale e abbiamo deciso di aiutarlo a crescere.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

E’ finito in un ambiente dove gli sono stati insegnati dei valori che lo accompagneranno per tutta la vita, ovvero l’impegno, il pensare agli altri, l’essere umili e rispettosi verso i più vecchi. Non so dove sarà fra qualche anno ma ha tutto per sfidare i migliori al mondo e lottare per il Pallone d’Oro. Non vedo al mondo un centrocampista più forte di lui. Ha solo 23 anni e per lui tutto è possibile. Non posso dire che diventerà una leggenda ma ha tutto per riuscirci“. Ed è anche per Pogba che Chiellini reputa la Francia la favorita per la vittoria finale: “ha un mix di giovani ed esperti e anche se non ha Benzema c’è Griezmann che può fare cose straordinarie. E poi ci sono Evra e Deschamps, che conosco molto bene. Patrice è stato importante per noi lo scorso anno in Champions, sa come trovare le parole giuste per aiutare gli altri a crescere“. (ITALPRESS).