Domenica 4 Dicembre

Consigli per i naviganti che affrontano il mare cinese

LaPresse/Giuseppe Zanardelli

A Pavia i cinesi ci sono già, e la pensano così

Quello che leggerete potrebbe essere d’aiuto per chi ha intenzione di vendere una qualsiasi cosa a dei cinesi. Quello che leggerete è un modo di vivere e un modo di pensare. Quello che leggerete è valido sia per il calcio che per qualsiasi altro modello di business. Il Pavia Calcio, come l’Inter, è di proprietà cinese. Recentemente ci sono stati alcuni problemi nel Pavia Calcio, a stagione finita, perché sembra non ci siano più soldi per pagare gli stipendi. E quindi? Il presidente del Pavia calcio ha detto: “sappiamo di avere dei problemi, ma li risolveremo”. Parola di Xiadong Zhu. Il suo vice, mister Qiangming Wang, ha aggiunto altre frasi a quella del suo capo.

Giuseppe Zanardelli/LaPresse

Giuseppe Zanardelli/LaPresse

Frasi che elenchiamo qui sotto, in ordine sparso, per aiutare, chiunque legga, a capire come si muovono i cinesi. Ai quali, del nostro calcio, interessa ben poco. A loro, di noi, italiani, interessa ben altro. Eccoci “dunque” al “dunque”: “non possiamo dare alcuna garanzia del fatto che pagheremo gli stipendi”, “il fondo non garantisce più denaro come prima perché il flusso è stato sospeso; in Cina sono cambiate le norme governative e portare fuori i soldi non è più facile”, “il fondo aveva ed ha altri interessi; il Pavia calcio sarebbe stata la candelina, ma prima ci deve essere la torta!”, “sul nuovo stadio, l’amministrazione ha mostrato il suo dissenso”, “in effetti non siamo stati molto presenti”. Questo è l’esempio del Pavia calcio. Occorre prenderne atto, da subito. La poesia del calcio italiano è finita.