Sabato 10 Dicembre

Cessione Milan, contromossa Galatioto: che indizio da Hong Kong!

LaPresse/Fabio Cimaglia

Cessione Milan che fa registrare la contromossa cinese: Sal Galatioto sbarcherà a Milano nelle prossime ore. E ad Hong Kong…

LaPresse/Piero Cruciatti

LaPresse/Piero Cruciatti

Cessione Milan, contromossa cinese – Up e down. Chiusure e aperture improvvise. Intorno alla trattativa per la cessione del Milan regnano sentimenti sempre più contrastanti. Negli ultimi giorni l’ottimismo per il buon esito finale della trattativa è andato via via scemando, le precarie condizioni di salute di Silvio Berlusconi – che martedì sarà operato al cuore – e lo slittamento della trattativa (deadline fissata al 30 giugno) non fanno altro che alimentare ancora di più i dubbi. Come rilevato dal Corriere della Sera in edicola quest’oggi, inoltre, i figli avrebbero acconsentito che Berlusconi rimanga al vertice del Milan a patto che esca definitivamente dalla scena politica, così da preservarle sue condizioni di salute.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Cessione Milan, contromossa cinese – Ma i cinesi non ci stanno e preparano la contromossa. Come svelato dal Corriere dello Sport, infatti, nelle prossime ore è atteso in Italia Sal Galatioto, advisor dell’operazione: l’uomo d’affari italo-americano sbarcherà a Milano per curare in prima persona l’operazione. Momento dunque decisivo. Con un indizio davvero importante che arriva da Hong Kong: il fondo cinese (1.5 miliardi di euro di investimento pronto per il Milan) sta per creare una società veicolo che poi acquisterebbe il Milan (esattamente come successo al Manchester United) e successivamente quoterebbe il club nella borsa asiatica. Segno che la trattativa è tutt’altro che arenata.