Sabato 3 Dicembre

Basket: la Nazionale sperimentale femminile chiude il torneo di Pomezia con una sconfitta

La Nazionale sperimentale femminile di coach Capobianco cede al Belgio nell’ultima gara del Torneo di Pomezia

La Nazionale Sperimentale Femminile ha chiuso con una sconfitta il torneo di Pomezia: le Azzurre sono state superate dal Belgio 62-64 al termine di una partita condotta per 39 minuti ma hanno comunque chiuso al secondo posto il torneo dietro all’Australia (oggi 82-28 al Camerun). Decisiva nel finale la tripla realizzata da metà campo da Kim Mestdagh. La migliore marcatrice dell’Italia è stata Gaia Gorini con 18 punti (e 11 rimbalzi). Liz Cambage è stata eletta miglior giocatrice del torneo che ha visto imporsi l’Australia davanti a Italia, Belgio e Camerun. Coach Capobianco ha scelto anche per oggi il quintetto con Gorini, Spreafico, Penna, Formica e Fassina.
L’Italia ha subito mostrato la faccia giusta: circolazione di palla in attacco alla ricerca di soluzione ad alta percentuale, nell’altra metà campo difesa attenta su Vanloo e Carpreaux nel tentativo di isolare le lunghe del Belgio. Al primo canestro di Linskens ha risposto la raffica di Fassina, che poi con il supporto di Tagliamento (2/2 nelle triple) e di un’ispiratissima Gorini ha spinto l’Italia sul +10 (23-13). Il Belgio ha reagito con il talento di Hendricks ma le Azzurre hanno replicato colpo su colpo trovando punti anche da Fabbri, Penna e Dotto e chiudendo così il primo tempo sul +8 (37-29).  Nel terzo quarto il Belgio si è rifatto sotto con le triple di Carpreaux e Kim Mestdagh (46-44 al minuto 28), l’Italia ha perso un po’ fluidità in attacco: di Grzesinski il canestro del sorpasso (47-49), peraltro subito pareggiato da Crudo nell’ultima azione del terzo quarto. La partita si è risolta nell’ultimo minuto con la tripla da metà campo segnata da Kim Mestdagh a fil di sirena (60-61), Gorini ha messo i liberi del nuovo sorpasso Azzurro ma poi è stata Vanloo a replicare dalla lunetta (62-63). L’ultimo pallone l’ha giocato ancora Gorini, che però non è riuscita a realizzare il canestro della vittoria.