Sabato 10 Dicembre

Atletica – Tutto pronto per il Golden Gala, Tamberi: “spero di competere con i grandi campioni”

LaPresse/Xinhua

Domani va in scena allo Stadio Olimpico il Golden Gala, Gianmarco Tamberi non vede l’ora di scendere in pedana

Nel giorno del suo compleanno, Gianmarco Tamberi è stato il vero mattatore della mattinata di conferenze stampa della vigilia del Golden Gala Pietro Mennea in programma domani sera allo Stadio Olimpico di Roma.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Prima gli abbracci di auguri con i colleghi di alta quota, Mutaz Essa Barshim, Bohdan Bondarenko e Marco Fassinotti, quindi il campione mondiale indoor di salto in alto qualche mese fa a Portland, ha rivelato sensazioni ed emozioni di questo suo avvicinamento alla quinta tappa della IAAF Diamond League, sulla pedana del salto in alto di uno Stadio Olimpico addobbato con coreografia tricolore e messaggi promozionali per la candidatura di Roma 2024. “La mia stagione è partita dieci giorni fa a Rabat – ha esordito Gianmarco Tamberi e finora non ho ancora usato la rincorsa completa. Qui a Roma sarò in una condizione migliore, ho iniziato a inizio mese lo scarico dagli allenamenti, e qui a Roma spero di poter competere con questi grandi campioni.

Action Press

Action Press

Bondarenko ha dimostrato più volte di trovare il gran risultato anche se non al meglio, Barshim invece lo ritengo il miglior saltatore di tutti i tempi”. A chi gli chiede la grande misura mister HalfShave risponde: “quest’estate vorrei saltare 2,40, quota che ho tentato a più riprese durante la stagione indoor, ma ad essere sinceri mi farebbe molto più piacere trovare una medaglia a Rio. Non mi stupirei se a Rio la medaglia d’oro arrivi a 2,40 anche se statisticamente la misura di 2,38 dovrebbe essere quella sufficiente per vincere”. Immancabile poi la domanda sul suo commento “social” su Alex Schwazer: “il mio commento su Alex Schwazer non era un mio accanimento contro Alex come persona, visto che non lo conosco, ma solo a livello sportivo, poiché secondo me chi ha sbagliato con il doping non va convocato nuovamente in Nazionale. Non penso sia stato un errore casuale il suo e credo che un atleta che ha avuto a che fare con il doping non possa essere più considerato un candidato per la maglia azzurra.