Venerdi 9 Dicembre

43° Volvo Ocean Race: dal Pacifico all’Atlantico, la regata più prestigiosa che abbraccia il mondo

Giunta al 43° anno di vita la regata durerà circa 9 mesi, durante i quali toccherà diversi porti in tutto il mondo. La Volvo Ocean Race è considerata in assoluto la competizione sportiva  più prestigiosa al mondo

Volvo Ocean Race, nessun’altra gara mette alla prova in modo così estremo persone e attrezzature o richiede una simile combinazione di abilità individuale, eccellenza ingegneristica, capacità tecnologica e puro coraggio. Queste sono qualità che Volvo Cars ha in comune con la gara e questo è il motivo per cui l’ha acquisita nel lontano 1997, legando la propria tradizione di abilità ingegneristica, eccellenza progettuale e lavoro di squadra alla competizione velica più ardua e apprezzata a livello mondiale. “La Volvo Ocean Race è tosta e prestigiosa. Così come noi,” ha commentato Håkan Samuelsson, Presidente e CEO di Volvo Cars. Oggi Volvo Cars è lieta di unirsi al team di Volvo Ocean Race per annunciare quello che sarà il nuovo ed estenuante percorso dell’edizione 2017­-2018 della competizione, che spingerà al limite delle loro capacità gli scafi ad alte prestazioni da 65 piedi e i loro equipaggi nei nove mesi di durata della regata intorno al mondo. Il nuovo percorso sarà il più lungo mai sperimentato e si svilupperà su un totale di oltre 45.000 miglia marine, attraversando quattro oceani e toccando 11 importanti città in cinque continenti.small In questa edizione, circa 12.500 miglia marine del percorso si concentreranno nell’Oceano Antartico, le cui acque ghiacciate sono caratterizzate da correnti rapide e dove, in totale assenza di barriere naturali, forti depressioni meteorologiche danno origine a onde gigantesche e venti fortissimi che possono soffiare a più di 130 km/h. “Nel corso dell’ultima edizione abbiamo accolto oltre 2,3 milioni di visitatori e più di 70.000 ospiti aziendali nei nostri punti di ritrovo situati nelle città ospitanti. Abbiamo intenzione di offrire al pubblico una competizione velistica ancor più emozionante nel 2017­/18, rendendo ancor più memorabile per i nostri fan, ospiti e partners l’esperienza nei ‘villaggi’ appositamente allestiti nei porti delle varie tappe” ha dichiarato Richard Mason, Direttore delle Attività Operative della competizione.

Programma della Volvo Ocean Race

La Regata oceanica, Volvo Ocean Race, partirà da Alicante alla fine del 2017 con una prima tappa di 700 miglia nautiche che la porterà a Lisbona, in Portogallo. cxcxcxcDalla capitale portoghese, gli equipaggi faranno rotta a sud, verso Città del Capo, in Sudafrica, prima di lanciarsi in un’avventura di qualche settimana che li porterà ad attraversare l’Oceano Antartico riportandoli poi verso nord, e oltre l’Equatore, fino a Hong Kong, in Cina. Dopo un trasferimento ­ ininfluente sul punteggio ­ a Guangzhou, Cina, dove si terranno una regata in­port e tutta una serie di attività collaterali, la regata oceanica ripartirà da Hong Kong diretta a Auckland, in Nuova Zelanda. Gli equipaggi torneranno poi indietro attraversando l’Oceano Antartico e doppiando il simbolo più famoso di questo tratto di mare, Capo Horn, per arrivare nell’Oceano Atlantico e raggiungere la città di Itajaí, nel sud del Brasile. Da Itajaí, così come avvenne nell’ultima edizione della regata, le barche faranno nuovamente rotta verso l’emisfero settentrionale navigando lungo la costa est degli Stati Uniti fino a Newport, nel Rhode Island, prima di lanciarsi verso l’Atlantico settentrionale sulla rotta transatlantica tradizionalmente percorsa dalle navi passeggeri che le riporterà sulle coste britanniche per la prima volta dopo 12 anni. La regata farà tappa a Cardiff, capitale del Galles, nel maggio del 2018, prima di proseguire, passando sopra alle Isole Britanniche e in quella che sarà una tratta breve ma potenzialmente brutale, verso la penultima tappa a Goteborg, in Svezia. L’edizione 2017/­18 della regata si concluderà nel porto dell’Aia, in Olanda. 2Più azione, maggiore velocità, più miglia difficili e più città ospitanti, per una gara che sarà tuttavia più corta – è un’evoluzione nella direzione giusta e al tempo stesso una mossa che riporta la regata alle sue origini e alla sua tradizione, migliorandone il già notevole valore commerciale e rendendola ancora più appetibile agli sponsor” ha aggiunto Mark Turner, nominato CEO di Volvo Ocean Race all’inizio di questo mese.