Domenica 11 Dicembre

Tennis, Goffin non smette di stupire: “il mio obiettivo? Non ho dubbi, la top ten”

Alfredo Falcone - LaPresse

Prima parte di 2016 stellare per Goffin che non vede l’ora di entrare in top 10 e battere i big

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Una delle stelle emergenti del tennis mondiale è senza dubbio David Goffin che sta vivendo un 2016 splendido, soprattutto sotto il profilo dei risultati: un gran miglioramento negli aspetti del suo gioco gli ha permesso di inanellare successi importanti come la vittoria su Wawrinka a Indian Wells e la semifinale di Miami nella quale solo Djokovic ha fermato la corsa del belga. Niente male per David che come riporta “myatp.com”,  si era preposto come obiettivo per questa stagione quello di: “riuscire a scompaginare gli equilibri, fare qualche sgambetto ai più forti nei grandi tornei e pensare di essere in grado di riuscire a vincere contro i migliori dieci-quindici giocatori”.

LaPresse/Andrew Soong

LaPresse/Andrew Soong

Alla base dei suoi miglioramenti sembra esserci il continuo desiderio di diventare più forte e battere ad uno ad uno tutti i top players: quando ne batti uno ne vuoi battere un altro perchè sei consapevole che puoi farlo. Questo è stata la chiave e l’obiettivo, vincere contro tennisti di questo livello, dimostrare a me stesso che sono in grado di farlo ed è troppo importante per i prossimi tornei”.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Non c’è solo tanta tenacia e una grande forza mentale alla base del miglioramento di Goffin. Un grande aiuto è arrivato anche dall’ ex n.7 del mondo Thomas Johansson che da febbraio sta affiancando Thierry Vancleemput nel ruolo di coach del giovane tennista: “Insieme stiamo lavorando molto, soprattutto sul gioco di volo e sul servizio e forse è per questo che faccio sempre meglio settimana dopo settimana. Sono due ambiti in cui posso migliorare ancora tanto”. Raggiunta la piazza numero 13 del ranking ATP, Goffin vuole spingersi più in alto, anche se il miglioramento del ranking passerà per forza da un incremento delle sue abilità: il mio obiettivo sarà sempre di quello di entrare nella top ten, ce l’ho nella testa e se non sarà quest’anno ci proverò ogni stagione fino alla fine della mia carriera. Non sono concentrato sulla classifica ma sulle cose che devo fare e cerco di migliorare costantemente il mio gioco. Sono sempre pronto a testare nuove soluzioni, a cercare di sviluppare le mie potenzialità e vedremo dove sarò alla fine dell’anno”.