Domenica 11 Dicembre

Schiavone difende Vinci e Errani: “fine del tennis femminile italiano? Di certo non è colpa nostra”

La Presse/Efe

Nella conferenza stampa post Roland Garros, Francesca Schiavone ha parlato del futuro del tennis azzurro e delle prestazioni di Errani e Vinci

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Come riportato da “oktennis.it”, Francesca Schiavone, nella conferenza stampa post sconfitta al Roland Garros, ha espresso il suo pensiero sulle prestazioni di Sara Errani e Roberta Vinci. Alla domanda se “le sconfitte di Errani e Vinci confermano la fine dell’epoca d’oro del tennis femminile italiano“, la Schiavone ha difeso le colleghe: non so se sia la fine, anche io mi sono stupita guardando lo score. Però Sara è del 1987, ha fatto grandi cose e può fare ancora tantissimo. Per il futuro c’è da lavorare tanto sui giovani, bisogna risollevare su un sistema che fa fatica e sicuramente bisogna investire tanto nei prossimi anni“.

schiavoneSecondo la Leonessa si sarebbe dovuto intervenire prima per un cambio generazionale e adesso il tennis azzurro ne sta pagando le conseguenze: “il punto era far crescere e far migliorare il sistema italiano, un momento propizio era quello successivo alla mia vittoria qui, ma anche dopo la vittoria di Flavia un anno fa o nel 2012 dopo la finale di Sara Errani. Ho sempre detto che è necessario lavorare per il futuro. Servono i migliori professionisti, investire tempo e denaro. Potrei occuparmene io in futuro? Potrebbe interessarmi, ma bisogna prima studiare tanto“.