Venerdi 2 Dicembre

Sassuolo come Leicester: urlo Di Francesco su una favola ‘made in Italy’

LaPresse/Alessandro Fiocchi

Una vittoria contro l’Inter porterebbe il Sassuolo in Europa League: tutti i segreti neroverdi nelle parole di Eusebio Di Francesco

LaPresse/Alfredo Falcone

LaPresse/Alfredo Falcone

Sassuolo, una favole ‘Made in Italy’ –  “La storia la stiamo già facendo, per quello che abbiamo fatto, per la posizione di classifica che occupiamo, per i punti raccolti. Ora andiamo a completare l’opera, pensando a vincere domani e mantenere il sesto posto. Poi la storia dobbiamo anche aspettarla, perché dovremo attendere la finale di Coppa Italia, ma la cosa più importante è mantenere questa sesta posizione“. Eusebio Di Francesco e il Sassuolo sanno di essere a un passo dal sogno. I tre punti con l’Inter garantirebbero, in caso di successo della Juventus col Milan il 21 maggio, una storica qualificazione in Europa League. “Abbiamo costruito qualcosa di importante – sottolinea il tecnico dei neroverdi – ma ora dobbiamo pensare solo alla nostra gara, che dobbiamo giocare per vincere senza pensare ad altri risultati o a quello che accade a San Siro fra Milan e Roma. Squinzi? E’ottimista e mi piace lavorare con persone positive”.

LaPresse/Alessandro Fiocchi

LaPresse/Alessandro Fiocchi

Sassuolo, una favole ‘Made in Italy’ –  “Questo ambiente ha bisogno di positività, di qualche tifoso in più, di essere incoraggiato nei momenti di difficoltà e quest’anno stiamo vedendo qualcosa di straordinario. Con Squinzi ci sentiamo giorno dopo giorno, è contento ma mai troppo”. I paragoni col Leicester lasciano il tempo che trovano (“guardando al nostro percorso di crescita, stiamo facendo qualcosa di grande”) e tornando alla gara di domani, contro un’Inter che non è più la bestia nera del Sassuolo (“avevamo una sindrome da Inter ma ce ne siamo liberati con ottimi risultati, se vediamo le gare che abbiamo fatto ci siamo ripresi quello che abbiamo lasciato in precedenza”), Di Francesco non si aspetta una formazione nerazzurra arrendevole visto che ormai Icardi e soci non hanno piu’ niente da chiedere al campionato. “E’ giusto che ogni squadra giochi al meglio, sono stufo di parlare di queste cose. Ogni squadra deve giocare al meglio come succede in ogni campo e all’estero, senza pensare che ci siano partite facili“. Per quanto riguarda il futuro, Di Francesco non vuole pensarci: “nella testa c’e’ solo l’Inter, concentriamoci sui tre punti che sarebbero determinanti per il sesto posto, dell’anno successivo ne parleremo dalla prossima settimana“. (ITALPRESS).