Mercoledi 7 Dicembre

Sampdoria, ‘inferno’ a Bogliasco: clima tesissimo tra squadra e tifosi

LaPresse- Valerio Andreani

Clima tesissimo a Bogliasco tra i tifosi blu cerchiati e i tifosi della Sampdoria: presenti Polizia e Carabinieri davanti al centro sportivo

LaPresse/Massimo Paolone

LaPresse/Massimo Paolone

Sampdoria, clima tesissimo a Bogliasco – Carabinieri, polizia e Digos hanno accompagnato l’allenamento della Sampdoria di questa mattina. Pochi tifosi presenti e nessuna contestazione da parte degli ultrà blucerchiati anche perché un fitto cordone di protezione ha impedito a supporter e giornalisti di avvicinarsi al campo inferiore di Bogliasco. La decisione di precludere l’accesso al campo è stata presa per tentare di evitare pesanti contestazioni contro società e giocatori dopo la sconfitta per 3-0 nel derby di domenica pomeriggio. Qualche coro di scherno si è alzato invece al passaggio dei calciatori, con Ranocchia e Soriano tra i più bersagliati: “Bravi andate a fare la partitella, li’ metteteci il cuore“.

LaPresse/Valerio Andreani

LaPresse/Valerio Andreani

Sampdoria, clima tesissimo a Bogliasco – Il primo ad arrivare al Mugnaini, poco prima delle 9,30, è  stato il tecnico Vincenzo Montella, seguito da Antonio Cassano, reintegrato dopo la lite con l’avvocato Romei, braccio destro di Ferrero, avvenuta al termine della sfida contro il Genoa: inizialmente la Sampdoria aveva pensato ad una rescissione del contratto, ma ieri le parti sono venute a più miti consigli, salvo un addio del numero 99 nel mercato estivo. Oggi è anche previsto il summit tra Montella e il numero uno del club: si va verso l’addio dell’aeroplanino, che potrebbe approdare al Milan o in nazionale. (ITALPRESS).