Domenica 11 Dicembre

Roland Garros, lo sfogo di Gulbis: “sul campo 18 trattati come la merda”

LaPresse/Xinhua

Gulbis sbotta. L’eroe del Roland Garros di due anni fa, si è scagliato contro gli organizzatori del torneo

Ernests Gulbis era nelle prime pagine di tutti i giornali sportivi. Esattamente 2 anni fa sconfiggeva Roger Federer e Tomas Berdych accedendo in semifinale al Roland Garros. Oggi è piombato in 80esima posizione nell’anonimato più remoto. In questa stagione solo 6 vittorie per lui nel main draw tra le quali una contro l’azzurro Seppi qualche giorno fa. Come per Federer, Gulbis ha avuto problemi fisici che lo hanno portato a sparire dalle scene principali per un po’ di tempo. Momento positivo quindi per il lettone che a tennisworlditalia.com ha dichiarato: “è un mondo così diverso quando giochi bene, tutti ti vogliono nei tornei, tutti ti mettono nei campi principali e tutti cercano di soddisfarti. Due anni fa ho giocato le semifinali qui e quest’anno i giocatori che giocano sul campo 18 sono stati trattati come la merda”. Ho chiesto ‘è un buon campo questo per la partita?’ e mi hanno detto ‘no, vai in campo’. Lo staff tecnico non ha neanche un posto per guardare la partita. Mi stanno mancando di rispetto perchè tutti vanno lì, danno il loro meglio, dobbiamo giocare nella neve come a Monaco, in un clima freddo, in un clima caldo, non importa, nessuno se ne frega, andiamo lì diamo il nostro meglio e non c’è un comportamento democratico, per niente”, ha aggiunto.