Mercoledi 7 Dicembre

Nuoto sincronizzato: Linda Cerruti e Costanza Ferro in finale nel duo agli Europei di Londra

LaPresse/EFE

Le azzurre Linda Cerruti e Costanza Ferro terze dopo i preliminari dell’esercizio libero del duo agli Europei di Londra 2016

Linda Cerruti e Costanza Ferro (Marina Militare/Carisa Savona) sono terze dopo i preliminari dell’esercizio libero del Duo agli Europei in corso all’Acquatics Centre di Londra. La coppia azzurra, che ha danzato in acqua sulle note di un must anni ’80 come “Sweet dreams” degli Euritmics remixato in salsa underground da Emily Browning (coreografa di Gana Maximova), ha ottenuto 90.5333 (esecuzione 27.2000, impressione artistica 36.1333, elementi 27.2000).

E’ un esercizio che conosciamo bene – dichiara Costanza Ferro, tre mesi più grande della compagna – Provando e riprovandolo abbiamo acquisito sicurezza. Speriamo di migliorare ancora in finale“. Il secondo posto dell’Ucraina è lontano 1.7 punti (92.2000) e sognare non costa nulla. “Sono state bravissime. Hanno nuotato bene e hanno presentato meglio l’esercizio rispetto alla qualificazione olimpica sul piano della nuotata – spiega il ct Gallombardo – Riguardo al Solo, abbiamo effettuato qualche leggero cambiamento nell’esercizio per avvicinarci all’Ucraina. Il clima e’ buono e la qualificazione olimpica ci ha dato una spinta in più per far bene con convinzione“. Soddisfatto per il punteggio anche il tecnico Yumiko Tomomatsu: “Sono contenta. Hanno interpretato bene il tema. Speriamo di migliorarci in finale“.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

In testa, come da pronostico, il duo russo Natalia Ishchenko e Svetlana Romashia che ha chiuso con 96.4667 punti. La finale è in programma domani, mercoledì 11, alle 16.30 locali (le 17.30 italiane). eri, subito un bronzo per la squadra italiana nell’esercizio tecnico finale d’apertura degli Europei. Elisa Bozzo, Beatrice Callegari, Camilla Cattaneo, Francesca Deidda, Costanza Ferro, Manila Flamini, Mariangela Perrupato e Sara Sgarzi hanno danzato sulle note di “The Interstellar Synchro” di Michele Braga (candidato ai David di Donatello 2016 per “Lo chiamavano Jeeg Robot”) e la coreografia di Burlando, Farinelli, Tomomatsu, Giallombardo, chiudendo con 88.9053 punti (27.1000 esecuzione, 27.2000 impressione artistica, 34.6053 elementi). (ITALPRESS).