Martedi 6 Dicembre

Muay Thai, Gabriele Casella fantastico: sconfitto Ekapop “Hellboy” Sor Klinmee [VIDEO]

Nuovo prestigioso traguardo per Gabriele Casella che, dopo il titolo di campione del mondo conquistato a Belgrado, mette ko  il colosso thailandese Ekapop

Grande soddisfazione per Gabriele Casella che sembra non volersi più fermare: dopo il Titolo mondiale conquistato a Belgrado ad ottobre 2015, il fighter romano nella notte fra sabato 30 aprile e domenica 1 maggio ha sconfitto anche il grande atleta thailandese Ekapop Sor Klinmee.

Gabriele CasellaCasella aveva accettato senza timore la sfida di Ekapop soprannominato “Hellboy“, l’eroe rosso dei fumetti di Mike Mignola, dotato di una forza sovrumana e con un destro capace di disintegrare ogni cosa. Il match era carico di tensione già dalla presentazione: “per la prima volta nella capitale l’Italia fronteggerà il colosso thailandese”, recitava lo slogan dell’evento. Anche il governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha voluto fare il suo in bocca al lupo all’atleta romano con un tweet alla vigilia dell’incontro: “una nuova sfida per Gabriele Casella. In bocca a lupo all’atleta romano, pluripremiato campione e orgoglio del Lazio”.

named sport g CasellaIl giovane fighter (classe 1994), non si è fatto spaventare dal blasone della leggenda thailandese e dall’importanza del match e davanti ad un Pala Atlantico di Roma gremito all’inverosimile, ha conquistato una vittoria importantissima. Gabriele Casella dopo un fase iniziale del match nel quale è avvenuto uno scambio violento di colpi studiati, dopo 1 minuto e 8 secondi dall’inizio è riuscito, con un high kick mancino diretto al volto dell’avversario, a mettere ko il mostro sacro thailandese e a conquistare il titolo Amazing Thailand Fighting Spirit. Lo speaker della serata ha fatto partire la musica per i festeggiamenti nel tripudio del Palaolimpico, ma Gabriele prendendo il microfono di mano ha ricordato a tutti che “per quanto puoi essere felice è giusto non esultare troppo” per rispetto dell’avversario, dimostrando di essere un grande uomo oltre ad essere un grande atleta.