Lunedi 5 Dicembre

MotoGp, Ezpeleta rivela: “un bene che Rossi abbia rinnovato, ma non sarà eterno”

Lapresse/Simone Rosa

A pochi giorni dal week-end del Mugello, Carmelo Ezpeleta torna a parlare di Valentino Rossi e del suo rinnovo con la Yamaha

Il Mondiale di MotoGp entra nel vivo con il Gp del Mugello pronto a partire in quello che si preannuncia un week-end davvero entusiasmante. Prima di tuffarsi nelle emozioni della gara italiana, Carmelo Ezpeleta è intervenuto ai microfoni di Motorsport.com per analizzare l’atmosfera che si respira all’interno del paddock, ponendo l’attenzione in particolare su Valentino Rossi.

LaPresse/EXPA

LaPresse/EXPA

Valentino è un pilota fantastico. Dimenticate il fatto che sia simpatico, che è molto seguito o altre cose. La cosa più importante è che è molto veloce. E poi, più di tutto, è un ragazzo che ama stare qui e noi amiamo averlo con noi. Rinnovare il suo contratto per altri due anni a 37 anni, significa che si sente di poter essere ancora competitivo. Ora sta ancora correndo, ma penso che rimarrà coinvolto, con la VR46 Riders Academy. E’ una buona notizia che lui continui, ma dobbiamo pensare ad andare avanti quando smetterà, indipendentemente dal fatto che lui rimanga in una squadra o meno. Non dimentichiamoci che il nome più popolare in Formula 1 è Ferrari, un uomo che non ha mai gareggiato“.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

La situazione vissuta lo scorso anno tra Rossi, Lorenzo e Marquez non è stato un ottimo spot per la MotoGp, Ezpeleta torna a sottolinearlo: “non credo che quello che successo sia stato buono per la MotoGP. In quella situazione, per come stavano le cose, il livello di popolarità sarebbe stato comunque elevato. Forse dipende dai paesi, ma in quelli che normalmente ci seguono, non sarebbe cambiato molto. Quella situazione non ci ha aiutato, almeno nel modo che ci sarebbe piaciuto. Non è stata un beneficio per noi, se avessi potuto evitarla, l’avrei fatto. Non credo che abbiamo bisogno di quel tipo di pubblicità, anche se siamo stati al centro del mondo per un paio di giorni“.