Giovedi 8 Dicembre

MotoGp, Ciabatti esce allo scoperto: la Ducati stringe il cerchio su due piloti

Paolo Ciabatti rivela le mosse della Ducati per la prossima stagione, indicando gli obiettivi da raggiungere insieme a Lorenzo

Week-end di ‘riposo’ per la MotoGp che attende con trepidazione il Gp del Mugello in programma nel prossimo fine settimana. Nonostante non si scenda in pista, i team continuano a lavorare sottotraccia per portare avanti le trattative in vista della prossima stagione, dove non mancheranno le novità e i colpi di scena.

Iannone-DallIgna-Dovizioso A tenere banco è la situazione Ducati, dove ancora aleggia un alone di mistero su chi sarà tra Iannone e Dovizioso ad affiancare Jorge Lorenzo alla guida della Desmosedici Gp nel 2017. Intervistato da Tuttomotoriweb, Paolo Ciabatti è tornato sulla questione, svelando alcuni retroscena sulle trattative interne alla scuderia: “il nostro obiettivo è tenere uno dei due Andrea nel team ufficiale Ducati al fianco di Lorenzo, così da tenere uno dei due piloti che ci hanno aiutato nello sviluppo della moto. Per quanto riguarda Davies, è un pilota chiave per il nostro programma Superbike e l’obiettivo è cercare di vincere altre gare e il titolo mondiale con lui, cosa che possiamo fare ancora quest’anno e cercheremo di proseguire anche nel 2017 se non dovessimo riuscirci quest’anno.

LaPresse/EXPA

LaPresse/EXPA

Prenderemo una decisione entro la gara di Barcellona, questo è il termine entro cui prenderemo una decisione ma potremo anche prenderla prima”. La scelta di Jorge Lorenzo ha una motivazione ben precisa, quella di vincere il titolo Mondiale, come sottolinea lo stesso Paolo Ciabatti: “quando un’azienda decide di mettere sotto contratto un pilota che ha vinto cinque titoli, di cui tre in MotoGP, è perché mira al bersaglio grosso. E’ chiaro che Lorenzo ha la capacità di giocarsi il titolo mondiale sempre e questa caratteristica ce l’hanno anche Marc Marquez e Valentino Rossi. Quindi aver fatto questa scelta significa che Ducati ha come obiettivo quello di essere uno dei possibili contendenti per la vittoria nel campionato mondiale della MotoGP sia nel 2017 che nel 2018“.