Sabato 10 Dicembre

Moto Gp , Tebaldi svela: “ecco come è nata la VR46 Riders Academy”

Alberto Tebaldi ad della VR36 Racing Apparel spiega come è nata l’idea della VR46 Riders Academy

Dopo il Gran Premio d’Italia, andato in scena domenica scorsa al Mugello e vinto da Jorge Lorenzo, i campioni della Moto Gp si godono un po’ di riposo. Valentino Rossi però non riposa mai, sempre in costante allenamento in palestra ma anche al suo ranch, dove ha tanti ragazzi di cui prendersi cura: tutti quelli della VR46 Riders Academy. Ma come è nata l’idea dell’Academy?

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

A svelarlo è stato Alberto Tebaldi, ad di VR46 Racing Apparel che in un’intervista a Sky Sport ha dichiarato: “è importante che attorno ad un pilota ci sia armonia e gente che si vuole bene. L’idea di creare una struttura come l’Academy è venuta in maniera spontanea, per dare seguito a richieste di consigli da parte di giovani piloti amici che venivano al Ranch… Vogliamo che i giovani talenti crescano secondo ‘il metodo Valentino Rossi“. “C’è un’intensa attività. Si cerca di fare in modo che ogni cosa sia perfetta… E’ un lavoro che si prepara dall’inverno e che può essere ottimizzato, oppure sprecato, in un lasso di tempo brevissimo”, ha aggiunto “Albi”.

fenati bulegaCerchiamo di trasferire ai pilotini tutta l’esperienza che stiamo maturando insieme a Valentino. Parlo di metodo, perché Vale è unico, basta guardare quello che ancora oggi fa. Il suo approccio, il costante lavoro su se stesso, la concezione altissima di professionalità, sono un vero modus vivendi per un pilota”. Adeguarsi a questo standard non è certo facile per tutti, “ma i pilotini temono Valentino, lui è uno che gli tira le orecchie quando c’è bisogno”, ha spiegato Tebaldi.