Mercoledi 7 Dicembre

Moto Gp, ducatisti soddisfatti a metà: “contenti ma dobbiamo migliorare in alcuni aspetti”

LaPresse/Reuters

Andrea Iannone e Andrea Dovizioso contenti ma non troppo dopo la seconda sessione di libere a Le Mans

E’ appena terminata la seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Francia. Il più veloce è stato Jorge Lorenzo, seguito da Andrea Iannone e Marc Marquez, mentre è rimasto indietro Valentino Rossi che ha chiuso col decimo tempo. Soddisfatti ma sempre in cerca di miglioramenti i piloti della Ducati che hanno chiuso col secondo tempo di Andrea Iannone e il quinto di Andrea Dovizioso

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Siamo abbastanza contenti ma non soddisfatti al 100% perchè dobbiamo migliorare alcuni aspetti che ci fanno soffrire e saranno secondo me molto importanti per la gara, abbiamo abbastanza movimenti in uscita di curva, soffriamo molto lo spin ancora anche se molto di meno a Jerez, la moto tende a scivolare abbastanza soprattutto quando la alzi in curva, dobbiamo riuscire a migliorare questo aspetto perchè sarà molto importante per accelerare“, ha dichiarato il campione di Vasto subito dopo la seconda sessione di prove. “La nuova gomma sinceramente si comporta come l’altra ma in generale un pochino meglio, un po’ in tutti i punti, ha un po’ più di grip riduce un po’ lo spin che abbiamo in uscita di curva, la moto si muove un pochino meno ma i problemi restano, ma già che siamo riusciti a miglirorare un po’ con questa gomma è molto importante, non era così scontato che la Michelin riuscisse a fare una gomma migliorativa in così poco tempo, secondo me hanno fatto un ottimo lavoro, hanno dimostrato di essere molto reattivi e molto molto forti. E’ un buon approccio, vedremo domani cosa accadrà“, ha concluso Iannone.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Segnali positivi perchè siam partiti con gomme nuove ma stesse gomme di stamattina e siamo andati subito molto forti abbiam migliorato col secondo turno dietro jorge e alla fine abbiam messo la gomma nuova che hanno portato qua e pro e contro, un pochettino meglio ma speravamo un po’ di più, la differenza di grip è davvero poca, bisogna guidare un pop’ diversi ma sicuramente c’è margine. si può andare più forte, col passo non eravamo messi male, aspettiamo domani e continuiamo a lavorare“, ha aggiunto poi Andrea Dovizioso.