Lunedi 5 Dicembre

Juventus,i segreti di Mandzukic: “ecco il perché delle mie difficoltà iniziali. Sul futuro…”

Alfredo Falcone - LaPresse

Mario Mandzukic svela i motivi delle difficoltà nei primi mesi alla Juventus: l’attaccante croato parla così del suo futuro. Ancora bianconero…

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Mandzukic, amore Juventus – Un inizio complicato, poi l’esplosione. Ed un futuro ancora a tinte bianconere. Parola di Mario Mandzukic, o Super Mario, fate voi. “L’inizio a Torino non è stato semplice, per la prima volta avevo problemi fisici e mi confrontavo con i calcio italiano. Per di più eravamo dieci nuovi giocatori, c’è voluto tempo per ambientarsi e per compattare la squadra. La svolta dopo il ko di Sassuolo: negli spogliatoi ci siamo guardati negli occhi e confrontati. Lì ho capito che questo gruppo aveva carattere e che la Juve avrebbe fatto un gran campionato”.

LaPresse/Daniele Bottallo

LaPresse/Daniele Bottallo

Mandzukic, amore Juventus – Nel corso di un’intervista rilasciata a Novosti Sportske e riportata da CalcioMercato.com, l’attaccante croato ha analizzato così la sua prima stagione alla Juventus: “Sono rimasto impressionato dall’organizzazione del club: soprattutto nei momenti di crisi tutti, dai dirigenti allo staff, hanno fatto quadrato attorno alla squadra. Io conoscevo la storia e il blasone del club, ma quando ci sei dentro comprendi la mentalità e la tempra, che sono unici. E adesso sono contento di aver dimostrato di poter essere importante per questa società”.

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Mandzukic, amore Juventus – Futuro ancora a tinte bianconere, lo conferma lo stesso Mandzukic: “Allegri i ha aiutato molto: mi ha voluto alla Juve e mi ha sostenuto quando non stavo bene. Mi ha sempre supportato. Se Simeone è un gladiatore, Allegri è uno tosto, un uomo di carattere, con idee chiare e i risultati parlano per lui”. Sul suo futuro: “Voglio restare alla Juve al 100%, sono felice di questa squadra e il prossimo anno possiamo fare ancora meglio. L’importante è mantenere il gruppo e inserire un paio di campioni: in questo modo potremo lottare per vincere la Champions”.