Sabato 3 Dicembre

Infortunio Nadal, parla il medico Cotorro: “Rio a rischio?”

LaPresse/XinHua

Angel Ruiz Cotorro, medico di Rafa Nadal, torna sulle condizioni del maiorchino, e sulle Olimpiadi di Rio 2016…

Il ritiro di Rafael Nadal dal Roland Garros è stata una questione di “buon senso”, perchè “non aveva alcuna possibilità” di vincere il torneo visto lo stato del suo polso. Ne è convinto il medico del campione spagnolo, Angel Ruiz Cotorro, commentando la decisione del mancino di Manacor di abbandonare la seconda prova stagionale dello Slam per un infortunio ad un tendine del suo polso sinistro, la mano con cui impugna la racchetta.

LaPresse/XinHua

LaPresse/XinHua

Come ha detto Rafa, con un atleta del suo livello a volte siamo andati al limite. Voleva giocare, ma questa volta a prevalere è stato il buon senso. Non c’era alcuna possibilità. Ha rischiato la rottura – le parole del medico spagnolo – E’ stato un momento molto difficile. E’ stato duro per lui perchè so quanto tiene a questo torneo e anche essere in forma. Ma abbiamo passato insieme molti momenti difficili e c’è una fiducia tale che mi permette di dire le cose“.

LaPresse/XinHua

LaPresse/XinHua

Ruiz Cotorro non ha voluto fornire i termini temporali di un possibile recupero del nove volte campione del Roland Garros, ma ha detto che le Olimpiadi di Rio, che si svolgeranno dal 5 al 21 agosto “non dovrebbero essere compromesse“.

LaPresse/Alfredo Falcone

LaPresse/Alfredo Falcone

E’ difficile parlare di scadenze in questi casi, perchè dipende da come risponde al trattamento. Ora ciò che serve è il riposo. La zona è stata immobilizzata. Unirà il lavoro di fisioterapia al trattamento con le medicine”, ha aggiunto il medico spagnolo, spiegando che Nadal si curerà nella sua casa di Maiorca. Ruiz Cotorro, medico anche della Federazione spagnola, è un esperto nel trattamento dei tennisti. “Il polso è delicato. Ci sono aree che sono difendibili, ma questa non lo era. E’ una zona sensibile e doveva fermarsi. Se si rompe il polso parliamo di molti mesi senza giocare e di un intervento chirurgico”. (ITALPRESS).