Lunedi 5 Dicembre

Il signor Stan Smith

A Roma, domenica, era presente un certo signor Smith. Mister Stan Smith

Domenica, a Roma, all’interno dell’impianto che ospitava la finale degli Internazionali di Tennis, mentre un cielo plumbeo scaricava sul centrale pesanti gocce di pioggia, e Nicola Pietrangeli si “ammantellava” di un improbabile color rosa, un signore al suo fianco, nonostante l’acqua battente, rimaneva seduto, impassibile, elegantissimo.

stan smith1Del resto, l’estrema eleganza è la sua cifra stilistica, da sempre. Sin da quando era un tennista. L’uomo di cui stiamo parlando è infatti il signor Stan Smith. Esatto, quello delle scarpe da tennis (sneakers?) probabilmente più famose al mondo, perché rimaste immutate nel corso del tempo, a causa della loro naturale perfezione. Stan Smith, americano, ha ricevuto domenica la “Racchetta d’Oro” 2016. E ha consegnato il premio al vincitore del torneo, Andy Murray. Stan Smith, from Pasadena, non è forse uomo da ricordare per le sue immaginifiche vittorie, ma ha dalla sua qualcosa che non tutti i tennisti hanno (vedi Murray, per esempio): lo stile, la classe, l’eleganza innata. Non è assolutamente un caso che le scarpe da lui preferite e indossate sui campi da tennis di tutto il mondo siano poi diventate “calzature alla moda” e “oggetto da collezione”. Stan Smith giocò il suo tennis negli anni 70. La sua eco, invece, risuona ancora oggi sui campi di tutto il mondo. E sulle passerelle di molto stilisti.