Venerdi 9 Dicembre

Il piccolo Nibali che sognava di diventare Campione in una foto storica con Chiappucci a Messina

Una foto storica di Nibali bambino vicino al “Diablo” Claudio Chiappucci a Messina: un’immagine straordinaria

Questa foto ci spiega perchè non bisogna mai smettere di sognare. Un piccolo Vincenzo Nibali che si fa fotografare vicino a uno dei suoi idoli, Claudio Chiappucci, in occasione di una gara ciclistica a Messina. L’immagine sta circolando sui social da quando la giornalista sportiva di Eurosport, Laura Meseguer (grande appassionata di ciclismo) l’ha pubblicata il 29 maggio scrivendo “amo questa foto di un piccolo e sognatore Vincenzo Nibali con Claudio Chiappucci, 

Nibali ammirava Chiappucci al punto da ritenerlo un suo grande idolo. Eppure “El Diablo” non è mai riuscito a vincere una grande corsa a tappe: due volte secondo e una volta terzo al Giro, due volte secondo e una volta terzo al Tour, nonostante i 6 podi e tanti altri piazzamenti importanti (un quarto posto al Giro, un quinto posto al Giro, un sesto posto al Tour), ha raggiunto l’apice della sua carriera nei primi anni ’90 in concomitanza con il grande Miguel Indurain che gli impediva di trionfare come forse avrebbe meritato.

Nibali ha fatto molto meglio, vincendo un Tour, due Giri, una Vuelta. E non è ancora finita. Nessuno poteva immaginare che quel bambino seduto lì a farsi una foto durante i massaggi di Chiappucci sarebbe diventato uno dei ciclisti più forti di sempre. Ma lui certamente lo sognava.

L’immagine è assolutamente autentica, piuttosto non è chiaro a quale circostanza si riferisca. Certamente non al Giro d’Italia, che negli anni di Chiappucci soltanto una volta è transitato a Messina, nel 1993 con la tappa Villafranca Tirrena – Messina vinta da Guido Bontempi il 28 maggio 1993. Ma quel giorno splendeva il sole e a Messina c’erano oltre +30°C, invece l’abbigliamento di tutte le persone immortalate nell’immagine è tipicamente invernale. Inoltre Nibali quel giorno aveva 8 anni, invece nella foto sembra decisamente più grande. Certamente siamo a Messina: inconfondibile nello sfondo dell’immagine il Duomo della città peloritana con il suo campanile.

Per completare questo quadro da fiaba, chi ci aiuta a ricostruire con esattezza la circostanza e il giorno di uno scatto così emozionante?