Venerdi 9 Dicembre

Il miracolo Leicester è compiuto, Ranieri ad un bivio: restare o andare?

LaPresse/PA

Dopo la vittoria della Premier League, Claudio Ranieri si interroga sul proprio futuro, lasciare da eroe o continuare il proprio progetto?

Essere o non Essere, questo è il dubbio amletico che potrebbe insinuarsi nella testa di Claudio Ranieri. Oggi, tutti salgono e vogliono salire sul carro del vincitore. Tutti. A prescindere. Gente che lo ha cacciato dalle squadre in cui allenava, ora lo incensa ed elegge a Re di Roma (quando era a Roma, la storia fu diversa).

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Tifosi che lo eleggono a simbolo e partono per Leicester da Milano per festeggiare questo eroe nazionale, quando lo stesso Mister allenava la loro squadra lo tacciavano di incapacità. Giornalisti che in questo momento fanno la fila per intervistarlo per poi porgli sdolcinate domande, quando King Claudio era in Italia lo aggredivano con domande sulla sua incapacità di gestire un club e sui suoi cattivi rapporti da sempre instaurati con le varie proprietà. È il calcio, bellezza. Tutti parlano, tutti dimenticano. Oggi è il giorno di Ranieri. Evviva Ranieri. Siamo sicuri che basteranno due partite sbagliate nella prossima stagione per passare dal miracolo al fallimento. Successe con Allegri a inizio campionato, nonostante quello che fece Max con la Juve l’anno prima. Il dubbio quindi adesso potrebbe essere proprio questo: restare in una società dove si è compiuto un miracolo (che proprio perché miracolo, molto difficilmente si ripeterà) o andare a compiere miracoli altrove? Fossimo in Ranieri, non avremmo dubbi amletici. Ma Claudio è uomo dal carattere difficile…no?