Sabato 10 Dicembre

Giro d’Italia, Nibali verso il ritiro dopo l’ennesimo flop: le parole del preparatore

Foto LaPresse - Belen Sivori

Giro d’Italia, Nibali medita il ritiro dopo il crollo di Andalo: ecco le parole del preparatore Paolo Slongo

Un flop a cui nessuno riesce a dare una spiegazione. Vincenzo Nibali ha ormai perso il Giro d’Italia, è uscito fuori dal podio e il rischio concreto è di finire anche fuori dalla top-5 vista la condizione che lo Squalo dello Stretto e gli altri corridori stanno dimostrando sulle Alpi. Dopo la tappa di domani, per velocisti, ci sono altri tre tapponi durissimi e se la situazione rimarrà quella degli ultimi giorni, Nibali rischierebbe di naufragare e continuare sarebbe soltanto controproducente per tutti. L’Astana sta cercando di capire la situazione, potrebbe dedicarsi agli attacchi da lontano per vincere qualche tappa.

Foto LaPresse - Fabio Ferrari

Foto LaPresse – Fabio Ferrari

Paolo Slongo, preparatore del campione italiano, dopo la tappa di Andalo ha detto ai microfoni della Rai che “c’è qualcosa che non va, è il terzo giorno che paghiamo. Motivi fino a ora non ne abbiamo trovati, faremo delle analisi per capire. Le sensazioni non erano cattive, per Vincenzo è atipico trovarsi in una situazione del genere. Problema psicologico? Non ho detto questo- Ritirarsi dal Giro? Se fisicamente non sta bene farlo continuare gli creerebbe un danno. Vedremo nei prossimi giorni“.

Nibali, quindi, domani dovrebbe partire regolarmente ma non sembra molto prudente scommettere oggi che riesca ad arrivare a Torino. E se non ci riuscirà lui, quello del 2016 sarà il primo Giro d’Italia della storia senza un italiano nei primi 5 classificati.

Giro d’Italia: ad Andalo il grande crollo di Nibali. Ecco la nuova classifica generale