Venerdi 2 Dicembre

Giro d’Italia 2016: volata trionfale per Kittel nella seconda tappa [FOTO]

LaPresse/ Fabio Ferrari

Kittel trionfa a Nikmegen: il tedesco della Etixx si aggiudica la seconda tappa del Giro d’Italia

Dopo il successo di Tom Dumoulin nella prima tappa di ieri, sulle strade di Apeldoorn, è andata in scena oggi la seconda tappa del Giro d’Italia 2016: la location è il tracciato suggestivo delle strade olandesi da Arnhem a Nijmegen. Superficie in prevalenza pianeggiante che favorisce i velocisti nei 190 km olandesi, con una salita all’11% di pendenza prima della conclusione e l’entrata sul circuito cittadino di Nijmegen negli ultimi 8.6 km.
LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

Negli ultimi 18km l’andazzo della gara fa pensare ad un finale in volata, Giacomo Berlato, che verrà premiato come corridore con maggior numero di chilometri in fuga è davanti a tutti, ma nel gruppone dei ciclisti dietro di lui si attende che qualcuno faccia la prima mossa per dare il via alle danze. A pochi chilometri dal traguardo ecco che finalmente i ciclisti ci danno dentro, inizia la volata dalla quale esce vincitore Marcel Kittel, che si aggiudica quindi la seconda tappa della 99esima edizione del Giro d’Italia. Secondo posto per  Demare terzo Sacha Modolo.

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

Kittel si aggiudica 10 secondi di abbuono e si avvicina sempre più alla maglia rosa. “Sono molto felice per la vittoria di oggi. Gia’ ieri avevo dimostrato di essere in buona condizione. I miei compagni hanno fatto un grande lavoro nella tappa odierna, tenendomi sempre li’ davanti. Poi sono partito ‘a distanza’ dal traguardo, perche’ sentivo bene le gambe, e tutto e’ andato nel verso giusto” ha dichiarato il tedesco. La maglia rosa rimane ancora a Tom Dumoulin.

I corridori si preparano per l’ultima frazione in Olanda di domani, dopo di che si comincia a sfrecciare sulle strade italiane, partendo da Catanzaro.

Ecco i primi 10 classificati della 2ª tappa:

Kittel
Demare
Modolo
Hofland
Ruffoni
Porsev
Ewan
Sbaragli
Amador
Nizzolo